Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Noroi Recensione


Noroi Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

«Questo documentario è ritenuto troppo inquietante per una visione pubblica». Su queste sibilline parole si apre Noroi, film del regista giapponese Kôji Shiraishi, autore di interessanti horror ancora inediti in Italia.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Ci troviamo dinanzi a un mockumentary horror, sulla falsariga lanciata dal culto di The Blair Witch Project. E quindi riprese a mano, quell'alone di mistero che tende a far pensare che si stia assistendo a qualcosa successo realmente, e più di un occhio strizzato alla psiche degli spettatori più suggestionabili. Ma in questo caso, come vedremo, non ci troviamo di fronte a una mera e furba operazione di marketing, in quanto le vicende narrate riescono a terrorizzare nonostante si sappia già di assistere a una "travestita" finzione.

L'indagatore dell'occulto, il giornalista Masafumi Kobayashi (Jin Muraki) scompare misteriosamente il 12 aprile 2004, dopo l'incendio che ha distrutto la sua casa e nel quale ha perso la vita la moglie Keiko (Miyoko Hanai). Masafumi aveva da poco finito di girare un documentario dal titolo “Noroi - La maledizione”, nel quale erano raccolte diverse riprese delle sue recenti indagini. L'uomo aveva conosciuto Kana (Rio Kanno), una bambina dotata di poteri psichici, che era scomparsa nel nulla, e Marika Matsumoto (attrice anche nella realtà, che qui interpreta se stessa), una giovane attrice che, in seguito a una "gita" notturna in un luogo di presunte apparizioni, era stata più volte posseduta durante il sonno. Ad aiutare Kobayashi nelle sua indagini, Mitsuo Hori (Satoru Jitsunashi), un potente medium che aveva ceduto alla follia a causa delle visioni e le premonizioni che lo assillavano.

Ma in questo caso, come vedremo, non ci troviamo di fronte a una mera e furba operazione di marketing, in quanto le vicende narrate riescono a terrorizzare nonostante si sappia già di assistere a una "travestita" finzione

Il giornalista scoprì che questi tre casi sembravano collegati a un'antica maledizione del piccolo villaggio di Shimokage, sommerso da un lago artificiale nel 1978 in seguito alla costruzione di una monumentale diga.

Il cinema orientale conosce perfettamente le vie della paura. Adattandole a un mockumentary, queste vengono amplificate a dismisura, "regalando" al pubblico due ore di visione assolutamente agghiacciante, dove non si sa mai cosa ci si troverà davanti nella scena successiva. Il film è una sorta di "raccolta" di diverse riprese effettuate dal protagonista (e dal suo cameraman) durante le indagini, e includono perciò interviste, spezzoni di programmi televisivi sull'occulto, e vere e proprie escursioni in questo mondo misterioso nel quale Kobayashi si è gettato. Il tutto genera un'inquietudine crescente, con almeno tre o quattro momenti di assoluto terrore, e seppur per la quasi totalità le entità spettrali, o presunte tali, non vengano mostrate, alcune sequenze raggelano il sangue nelle vene.

La costruzione a incastro non ha per nulla inficiato la perdita dell'atmosfera, anzi ha aumentato la tensione e l'empatia che si viene a creare con i personaggi, con i quali più di una volta si vengono a provare le stesse sensazioni di ansia e impotenza. Il film procede con un ritmo omogeneo, cercando di far salire lentamente, ma costantemente, il filo dell'angoscia, introducendo temi e vicende con una progressione pressoché impeccabile. L'elemento che crea ancora più affinità con l'aura di presunta realtà impressa, è che spesso vengono mostrate ricerche a vuoto, e fatti non strettamente collegabili al plot principale, rendendoci complici e "vittime" di questo viaggio nell'ignoto alla ricerca della verità. Noroi vive così di un'alternanza tra il possibile e fatti inspiegabili, davvero imputabili al mistero e al mondo degli spettri. Difficile rimanere impassibili alla potenza emotiva che il film riesce a trasmettere, e soprattutto al terrore che attanaglia a fine visione per chi, solitario abitante della propria dimora, difficilmente troverà il sonno senza guardare più volte nel silenzio della notte implorando che nell'oscurità non si trovi qualcuno o qualcosa.

di Maurizio Encari
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo