Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

City on Fire Recensione


City on Fire Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Praticamente sconosciuto da noi ma acclamato in Inghilterra e America, City on Fire è uno dei capisaldi e degli iniziatori di quello stile cinematografico che ha contraddistinto gli action di Hong Kong da almeno vent’anni a questa parte.

Una storia di gangsters, come lì ne vengono raccontate a centinaia, con Chow Yun-Fat nei panni di un giovane poliziotto infiltrato in una banda di rapinatori da tanto, troppo tempo, in bilico tra il suo dovere di sbirro e l"amicizia e il rispetto per il capo dei criminali, un Danny Lee rapinatore malinconico e disilluso in una delle sue interpretazioni migliori.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Due protagonisti di forte impatto, entrambi dotati di una morale, seppur sporcata dal sangue o dal tradimento, fino al grande colpo, un'ultima rapina dai tragici esiti.

Se ci state pensando, si, è proprio così: City on Fire è una delle pellicole che hanno maggiormente ispirato Tarantino per Le Iene, tanto da fargli praticamente copiare - più o meno pedissequamente - alcune scene, battute e inquadrature. Ma se la grandezza della controparte americana sta nel mettere praticamente sempre in primo piano il rapporto tra il rapinatore e l’infiltrato, qui Ringo Lam (che è comunque un ottimo regista spesso più efficace dello stesso John Woo) perde un pizzico dell’efficacia del confronto tra due personaggi carismatici come Lee e Yun Fat, dando troppo spessore a sottotrame e tematiche maldestramente melò come il rapporto problematico tra Fat e la sua ragazza. Ciononostante City on Fire rimane un mirabile esempio di cinema di Hong Kong, un film dove ogni bagno di sangue è eroico, dove gli eroi sono i cattivi e non piangono mai.

Ma se la grandezza della controparte americana sta nel mettere praticamente sempre in primo piano il rapporto tra il rapinatore e l’infiltrato, qui [Ringo Lam] (che è comunque un ottimo regista spesso più efficace dello stesso [John Woo]) perde un pizzico dell’efficacia del confronto tra due personaggi carismatici come Lee e Yun Fat, dando troppo spessore a sottotrame e tematiche maldestramente melò come il rapporto problematico tra Fat e la sua ragazza

di Francesco Massaccesi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo