Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Animal House Recensione


Animal House Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Ci sono film generazionali. E poi c'è il film di culto.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Animal House è ancor oggi venerato e osannato da generazioni, tale che il suo ridereccio morbo continua a diffondersi col trascorrere del tempo. Volenti o nolenti, ci troviamo dinanzi a un “colpevole”, che ha dato vita a centinaia di emuli tristemente ricordati più per la presenza di voyeristiche volgarità e dialoghi sboccati che per altri motivi. Ma è una colpa che ci sentiamo di assolvere da ogni accusa, viste le qualità che travalicano il semplice mood generazionale e lo hanno fatto assumere a icona e "vero" capostipite del genere. In un viaggio nel grottesco dei college americani, John Landis trova il modo di far divertire con risate godereccie ma non prive di una certa intelligenza cinefila e soprattutto sfondando lo schermo con un ariete del calibro del compianto John Belushi.

Eric (Tim Matheson) e Kent (Stephen Furst) sono due studenti del college che vogliono iscriversi a una delle tante confraternite studentesche. Rifiutati dalla rigida Omega, piena di "figli di papà", entrano a far parte della sgangherata Delta, formata da ripetenti dalla condotta non certo encomiabile. Osteggiata fortemente dal preside della scuola, che cercherà in tutti i modi di farla chiudere, la Delta si avvale di bizzarri membri tra i quali spicca il "leader" Bluto (John Belushi) pronto a tutto pur di mantenerne la sopravvivenza e lottare contro le mire dei rivali.

Spogliata dalla sua veste di commedia giovanile, Animal House mostra quegli istinti di ribellione alla società cosiddetta "perbene", e cerca di mostrarne, scarnificandole con battute al fulmicotone e gag paradossali, tutte le più profonde ipocrisie.

Ma è una colpa che ci sentiamo di assolvere da ogni accusa, viste le qualità che travalicano il semplice mood generazionale e lo hanno fatto assumere a icona e "vero" capostipite del genere

Attraverso vagiti nostalgici, e personaggi ricchi di personalità, la varietà non viene mai a mancare, con il surplus che veste i panni di un Belushi strabordante, capace da solo di reggere la qualità attoriale complessiva sulle sue massicce spalle, pur accompagnato da nomi – più e meno famosi – in buona forma. Assunto a icona della cultura popolare, il film di Landis non risente assolutamente dei trent'anni sul groppone, risultando fresco e originale anche per un pubblico odierno, e mangiandosi in un sol boccone intere saghe giovanilistiche (da American Pie in poi). Merito della sceneggiatura scritta a sei mani di cui un paio appartenenti a quell'Harold Ramis che in futuro, oltre a divenire apprezzato regista, ci avrebbe anche regalato gli script delle avventure dei Ghostbusters (interpretandone anche il cerebrale Egon). Vivendo di alchimie pressoché perfette e offrendo tutte quelle situazioni non solo tanto care agli "sfigati" e ai nerd ma anche a chi con furbizia e genuina sfacciataggine si adopera a spezzare le barriera del sistema, osteggiando lo status quo del perbenismo con ogni forza.

Ma oltre a tutto ciò, Animal House è folle ed esuberante divertimento, con situazioni irresistibili figlie di un cinema americano classico reinterpretato con malizia e ossequioso rispetto. Non mancano i rimandi nostalgici, in una rievocazione goliardica degli anni della giovinezza, con i suoi eccessi e le sue delusioni, ma sempre venata da una follia di sano ottimismo che ancor oggi conquista anche platee di chi, ai tempi, non era ancora nato.

di Maurizio Encari
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo