Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Zoè Recensione


Zoè Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Un film sulla resistenza in forma di favola” dice il Morandini di questo splendido Zoe, aggiungendo subito dopo: “non si era mai visto”. “Un Alice nel paese delle non meraviglie” lo descrive Varlotta, riportando l’attenzione dello spettatore dallo sfondo politico alla vera essenza del film, la forza vitale di pazzia (Dado) e sogni in un mondo non ideale, e rievocando, forse inconsciamente, un altro simile mondo delle non meraviglie, quello dipinto da Louis Mallé nell’inquietante Luna Nera.

La pellicola, primo lungometraggio di Giuseppe Varlotta, descrive il viaggio di Zoe alla ricerca del padre, un eroico capo partigiano, mentre il suo paese è stato attaccato da soldati nazisti che hanno portato la morte agli uomini e la disperazione a donne e bambini.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Nel viaggio la piccola incontrerà vari personaggi, tutti in situazioni limite che li portano all’esposizione della loro più profonda natura, dando allo spettatore interessanti visioni del mondo e mettendo ogni volta Zoe a ridiscutere se stessa e le sue idee.

Non ci si faccia dunque ingannare dall’ambientazione, le preoccupazioni politiche sono probabilmente estranee a Varlotta; i cattivi nazisti null’altro che incarnazione della malignità e spietatezza umana in un dato contesto storico; il partigiano Luigi il simbolo di un’etica manichea quanto ingenua; il brigante Bebo Storti tutte le seduzioni dell’amoralità, non per forza cattiva ma sicuramente ambigua e pericolosa. E questo scavo interiore - piuttosto apolitico – è molto felice anche nella resa di altri personaggi come il principe, manifesto del fallimento dell’aridità affettiva propria di una vita estetica dedita ai piaceri (ma anche il ritrovo in extremis di una comunanza nella solitudine con un vecchio in miseria) o come il folle Dado, che è l’immensa energia vitale dei giochi allegri di fantasia, follia e sogno, capaci di risuscitare i morti e di ritingere di vita ciò che la morte aveva reso più nero che mai. Ciò che trae la piccola Zoe da questo viaggio è una dura ed efficace iniziazione alla vita, una violenta crescita che la porta dal suo idealismo infantile, che mai permetterebbe che il suo cane fosse usato per riempire lo stomaco, fino ai più maturi e aspri compromessi dell’esistenza, che nella pietà per il prossimo le fanno suggerire spontaneamente di usare la carcassa del cane come cibo. Il tutto lasciando intatta la sua purezza, che pur accettando le questioni materiali e di stomaco, non può nel clima di dolore, ma anche solidarietà, che si crea tra gli sventurati rinnegare i valori dell’interiorità e dell’affettività (cfr. la grande importanza data ai riti della sepoltura).

Un gran film dunque, grazie anche alle buone interpretazioni degli inesperti attori, e all’atmosfera sognante e in comunione con la natura che Varlotta ha saputo infondere nel film, soffermandosi spesso su incantevoli immagini e paesaggi da favola. La pellicola, inoltre, anche essendo di pregevole fattura non è certamente intellettualistica o apprezzabile solo dai soliti happy few: sulle corde dell’empatia potrebbe infatti gustarla appieno anche tutta quella parte del grande pubblico che, pur solo per una novantina di minuti, riuscisse ad allontanarsi dalla caotica volgarità moderna.

Non ci si faccia dunque ingannare dall’ambientazione, le preoccupazioni politiche sono probabilmente estranee a Varlotta; i cattivi nazisti null’altro che incarnazione della malignità e spietatezza umana in un dato contesto storico; il partigiano Luigi il simbolo di un’etica manichea quanto ingenua; il brigante Bebo Storti tutte le seduzioni dell’amoralità, non per forza cattiva ma sicuramente ambigua e pericolosa

di Cristiano Caliciotti
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo