Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Il Grinch Recensione


Il Grinch Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Inizia dentro un fiocco di neve la favola moderna diretta da Ron Howard, in cui Jim Carrey veste i panni del perfido Grinch, un essere verde e peloso, temuto dai piccoli abitanti di Nonsochi. I Chinonso aspettano Natale tutto l’anno e lo spirito di festa pervade il cuore di tutti, o meglio di quasi tutti.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 2.3/5

Grinch, dal monte Briciolaio, boicotta l’allegria esagerata e i festeggiamenti. Nessuno conosce il motivo di cotanto odio, sarà forse perché ha il cuore più piccolo di due taglie? Da bambino Grinch ha subito angherie e soprusi, a causa non solo della sua diversità fisica, ma anche per il suo singolare temperamento. Umiliato dai suoi piccoli concittadini, decide di ritirarsi a vita solitaria e ogni giorno obbedisce a una dieta ferrea, per ridurre il suo cuore di una taglia. Finché un giorno incontra la dolce Cindy Lou (Taylor Momsen), il cui spirito natalizio è lontano dall’esuberanza consumistica e più vicino all’altruismo e all’amore per la famiglia e alle gioie del vivere quotidiano. La piccola Lou darà una lezione agli abitanti di Nonsochi sulla vera natura del Natale e la sua dolcezza metterà in discussione perfino l’apatico Grinch sulla forza dei buoni sentimenti.

Per Il Grinch il regista americano Ron Howard ha scelto la tecnica del live action. E ha scelto Jim Carrey, che si è sottoposto a quattro ore di trucco giornaliere per assumere le sembianze del perfido misantropo abitante di Nonsochi. Il film prende le mosse dalla letteratura per ragazzi di Dr.

Jim Carrey si è sottoposto a quattro ore di trucco giornaliere per assumere le sembianze del perfido misantropo abitante di Nonsochi.

Seuss, restio per lungo tempo a cedere i diritti per trasformare il suo personaggio di carta in pellicola. Come molti cattivi della letteratura, il Grinch piace e, soprattutto in America, è un personaggio conosciuto e molto amato dai bambini. Il suo atteggiamento spavaldo e distaccato è al contempo un’arma di difesa nei confronti di una società, che non contempla il diverso e non lo accoglie. Al di là dell’aspetto, il suo modo di entrare in relazione con gli altri o di dialogare con se stesso, è assolutamente originale, unico, esilarante, ma temibile perché privo di una codificazione condivisa dai più.

Grinch è l’anima ribelle, creativa, giustamente critica presente in ognuno di noi. Il Grinch come Cindy Lou rappresenta l’altra faccia del Natale. L’emarginazione uno, la solitudine l’altra. Entrambi odiano il Natale per ciò che ne ha fatto il mero consumismo. Il mostro e la bambina ritroveranno il senso del Natale rubato grazie alle rispettive diversità: «Se il calore sale al cuore, a natale amore tu avrai. Se il tuo cuore prova amore tu la pace conoscerai».

di Marco D'Amato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo