Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Dove avevamo lasciato Marty McFly (Michael J.Fox) e Doc Emmett L. Brown (Christopher Lloyd)? Tutto sembrava sistemato e le cose tornate alla normalità per il giovane scavezzacollo e il bizzarro scienziato.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Il 1955 pareva un lontano ricordo, e la vita nel presente era finalmente a portata di mano. Ma un seguito naturalmente non può basarsi sul quieto vivere, ed ecco perciò che le cose sono destinate inesorabilmente a complicarsi per i simpatici protagonisti. Neanche una notte di quiete, ed ecco che Marty vede dinanzi a lui comparire la magica DeLorean che riporta Doc nientemeno che da un viaggio nel futuro. Il geniale uomo di scienza informa il suo amico che è stato nel 2015, e ha visto il futuro figlio di Marty e Jennifer (Lea Thompson) mettersi nei guai, e spinge così il ragazzo a recarsi con lui nel futuro per cercare di cambiare gli eventi. Arrivati a destinazione i due lasciano Jennifer (aggiuntasi "curiosamente" alla missione) all'interno dell'avveniristica vettura, dopo averla addormentata con un induttore di sonno. Ma durante la loro permanenza nel 2015, lasciano che il vecchio Biff Tannen (Thomas F. Wilson) finisca per modificare il passato e a Marty e Doc non resterà nient'altro da fare che tornare nel 1955 e cercare di rimettere, nuovamente, le cose a posto.

Di sicuro la trama di questo secondo episodio è la più complessa di tutta la trilogia, oltre a essere quella con più sbalzi temporali che vede i "nostri" muoversi a salti di trent'anni per rimediare ai danni da loro stessi, involontariamente, provocati.

Di sicuro la trama di questo secondo episodio è la più complessa di tutta la trilogia, oltre a essere quella con più sbalzi temporali che vede i "nostri" muoversi a salti di trent'anni per rimediare ai danni da loro stessi, involontariamente, provocati.

Questo ha dato modo a Robert Zemeckis di sbizzarrirsi a più non posso con le soluzioni visive, andando a modificare personaggi e luoghi a seconda dell'impatto che i passaggi nelle varie epoche hanno avuto sulla vita dei protagonisti, e ancora una volta i nostri dovranno vedersela con il villain impersonato da Thomas F. Wilson, qui nel doppio ruolo di Biff e di suo nipote. Questo dà modo di regalare numerose autocitazioni e riferimenti al capitolo precedente (su tutte la scena dello skate) e di ampliare numerose sottotrame che erano rimaste celate. Inoltre, grazie alla futuristica, per i tempi, camera Vista Glide, possiamo osservare Michael J.

Fox in "doppia (e tripla) veste" contemporaneamente sullo schermo.

Se per Robert Zemeckis non è una novità osare dal punto di vista tecnologico, ancora una volta è degno di attenzione lo sguardo "complessivo" con cui il regista riesce a inglobare tutti i dettagli del "dittico" (in attesa che divenisse trilogia), muovendosi con disinvoltura tra i vari periodi storici. Il futuro mostrato è affascinante, ma il premio di miglior ambientazione lo vince il 1985 alternativo, in cui Marty si trova addirittura dinanzi a una "versione" di sua madre vistosamente ritoccata dalla chirurgia estetica. La scelta poi di ripercorrere luoghi e modi visti nel primo film, oltre a permeare il tutto di un'aura recentemente nostalgica, si rivela convincente e avvincente ai fili del contesto narrativo. Come al solito le interpretazioni di Michael J. Fox, Christopher Lloyd e tutti gli altri protagonisti si confermano, con le dovute proporzioni riservate ai loro ruoli, un misto di simpatia e effervescenza catalizzanti ai fini della vicenda. In attesa naturalmente del viaggio nel west che pochi anno dopo avrebbe concluso l'epopea.

di Maurizio Encari
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo