Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Source Code Recensione


Source Code Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Reduce dal meraviglioso Moon, Duncan Jones conferma di essere uno dei registi più efficaci e convincenti nel panorama fantascientifico made in Hollywood. Il figlio del Duca Bianco fa suo un coinvolgente script di Ben Ripley e ci costruisce una macchina pressoché perfetta, oliata a dovere e precisa come un orologio.

La trama in breve: il Capitano Colter Stevens (Jake Gyllenhaal) è parte integrante del rivoluzionario programma militare denominato Source Code.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Tramite questo programma potrà rivivere gli ultimi otto minuti di un treno diretto a Chicago fatto esplodere da una bomba che ha provocato una vera e propria strage. Stevens rivivrà continuamente quegli ultimi otto minuti fino a trovare il colpevole e salvare la città da altri attentati. Se Colter Stevens dà mente e anima all’operazione, il corpo nel quale agisce è questo dell’insegnante di Storia Sean Fentress, uno dei passeggeri del treno morti nell’attentato. Ogni volta che Colter tornerà sul quel treno morirà ma ogni volta potrà contare su indizi e scoperte ottenuti nel precedente viaggio per ricomporre il puzzle finale.

Da appassionato di film e serie sci-fi e di letteratura fantascientifica (Philip K. Dick in primis), Jones riesce a costruire una realtà alternativa perfetta ma allo stesso tempo ambigua e metamorfica. Il mondo del Source Code è reale? Lo è solo in quegli otto minuti? Oppure è una mera proiezione mentale? E gli universi paralleli possono entrare in contatto? Memore della lezione di Inception, Jones fornisce al personaggio di Stevens due “link” che gli permettono di muoversi più agevolmente dalla “realtà” al sua versione alternativa. Il suo contatto sul treno è la bella Christina (Michelle Monaghan), una collega di Sean; nel mondo reale è la dottoressa Goodwin (Vera Farmiga): il loro viso, la loro voce e i loro gesti sono i media che rendono efficace il trasferimento di Colter dal treno alla capsula sede dell’esperimento e viceversa.

Stevens rivivrà continuamente quegli ultimi otto minuti fino a trovare il colpevole e salvare la città da altri attentati

La claustrofobia che permeava Moon è fortemente presente anche in Source Code: un vagone dal quale non si può uscire e una capsula con un monitor come unico contatto con l’esterno. Gli otto minuti di Colter/Sean sul treno sono sempre simili ma mai identici: ogni sua azione anche solo leggermente diversa crea nei compagni di viaggio reazioni dissimili che modificano concretamente ogni singolo tentativo portando al Capitano ogni volta informazioni sempre diverse e sempre più utili. In questo modo non solo il film non risulta una lunga serie di stucchevoli ripetizioni ma ogni nuovo viaggio suona come una sfida allo spettatore a cogliere i piccoli frammenti di verità che vengono a galla.

Davvero coinvolta e coinvolgente la prova di Gyllenhaal, il cui personaggio lotta contemporaneamente per venire a capo della missione e per scoprire la verità sul suo destino. Ottima spalla la Monaghan, che riesce a dare sfumature sempre diverse ai continui deja-vu di Colter.

Jones mescola sapientemente sci-fi, action-movie e love story e il risultato è da non perdere. Considerato il budget di certo non eccezionale, una risposta di prim’ordine alle cafonate ultratecnologiche a cui spesso ci hanno abituato negli USA. Si merita una grande successo anche qui da noi, anche per vendicare Moon, distribuito malissimo in Italia. Ottime le musiche di Chris Bacon, succeduto a Clint Mansell.

di Marco D'Amato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo