Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Scream 4 Recensione


Scream 4 Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Cosa può rappresentare, oggi, il capitolo quarto del franchise partorito dal binomio Craven-Williamson? Poco, decisamente poco. A metà anni ’90, l’esperimento metalinguistico meglio conosciuto come Scream contribuì a rilanciare l’appeal popolare di un genere caduto nel dimenticatoio, ricordo sbiadito di un’epoca d’oro, quella del decennio precedente, che ne aveva cristallizzato apogeo e, al tempo stesso, avviato l’irreversibile quanto naturale e ciclica parabola discendente.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

L’intuizione craveniana donò all’horror un nuovo posto sotto i riflettori, rivitalizzandone il motore autocelebrativo e riaccendendo una macchina cinema finalmente pronta a recuperare il terreno perduto, soprattutto nella sua angolazione prettamente mainstream e volutamente autoironica. Ma nel 2011, dove ovunque ti giri vedi horror (escludendo gli Stati Uniti: Spagna, Corea del Sud, Giappone, Francia e persino Italia), un prodotto come Scream 4 possiede ben poche ragioni d’esistere.

Wes Craven, non pago della sua penultima, imbarazzante fatica (l’impresentabile Red Eye), tenta la fortuna con la carta casalinga, tornando a giocare, in coppia con lo sceneggiatore di fiducia, nell’area di un campo che sembra conoscere a memoria. Scream 4 serializza, fidelizzandola, la sua mitologia: spingendosi ai limiti dell’only for fans e poco aggiunge al bagaglio popolare del riuscito brand; il guaio è che il trucco, oltre al regista, è noto anche allo spettatore, compreso quello meno smaliziato, lo stesso che, con estrema facilità, avverte il senso di già visto quando torna a imbattersi, ancora una volta, di fronte alle dinamiche autoreferenziali e citazioniste dell’ennesima variante costruita attorno al remake aggiornato e corretto dell’istant (meta)movie. L’espediente metacinematografico del fittizio Stab (film nel film introdotto nell’episodio 2 della saga) è tanto funzionale ad un incipit divertito e autoironico quanto scontato nel suo successivo dipanarsi invadente e parallelo al trascorrere della reale pellicola; così come prevedibile risulta il volto che si scoprirà nascondersi dietro la maschera dalle sembianze munchiane, o stucchevoli le pretestuose giustificazioni morali attorno ai concetti di essere ed apparire che muovono l’ingegno del telefonato killer.

E se da un lato non si può non ammettere l’abilità squisitamente tecnica del Craven cineasta, dall’altro è impossibile non notare quanto Scream 4, a forza d’inseguire risate, rischi di assomigliare un po’ troppo alla sua canzonatura Scary Movie. Si prendano le rispettive ultime fatiche di quello che una volta veniva considerato il sacro triangolo dell’horror americano: Romero-Carpenter-Craven, il paragone con i certamente imperfetti ma non per questo non riusciti Survival of the dead e The Ward sarà impietoso, comunque utile a comprendere quali dei tre nomi in questione pare non abbia più nulla da dire in termini di freschezza creativa.

[Wes Craven], non pago della sua penultima, imbarazzante fatica (l’impresentabile ), tenta la fortuna con la carta casalinga, tornando a giocare, in coppia con lo sceneggiatore di fiducia, nell’area di un campo che sembra conoscere a memoria

di Luca Lombardini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo