Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Rio Recensione


Rio Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Dopo il successo internazionale della trilogia de L’era glaciale, Carlos Saldanha torna dietro la macchina da presavirtuale per un film d’animazione che, prima di tutto, è un omaggio alla sua città d’origine, Rio De Jainero. Abbandonato il freddo dell’era preistorica e messi da parte i divertenti Syd, Diego e Manny, il regista brasiliano opta per un ambiente divertente e colorato, lasciando però al centro della vicenda il mondo animale.

Blu è l’ultimo esemplare maschio di macao brasiliano.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 2/5

Sradicato dalle sue origini tropicali dall’avidità dell’uomo, viene trasferito nel gelido Minnesota, dove viene adottato da Linda, una giovane colta e amante della tranquillità. Per via della cattività in cui è cresciuto, Blu non sa volare: l’unica cosa che gli riesce bene è abbuffarsi di cioccolato e spuntini succulenti. La sua esistenza, tuttavia, subisce una sferzata quando entra in scena Tullio, un ornitologo entusiasta che fa sapere a Linda di aver scovato l’ultimo esemplare femminile di macao. È dovere di Linda, a questo punto, portare Blu nella giungla brasiliana per permettere alla specie del suo pappagallo di sopravvivere all’estinzione. Se Blu è sedentario e viziato, la splendida Jewel è invece un animo libero e un po’ selvaggio. Le differenze caratteriali dei due, all’inizio, complicano i loro rapporti, finché una minaccia più grande non li costringerà a collaborare.

Rio - nato dalla collaborazione tra i Blue Sky Studios e la Twentieth Century Fox Animation - è una divertente commedia che gioca con stereotipi già consolidati nell’immaginario dello spettatore medio. Come accaduto a John Smith con Pocahontas; al marine con la nativa Na’vi in Avatar, anche Blu si trova catapultato in un mondo completamente estraneo rispetto a quello a cui è abituato.

Per via della cattività in cui è cresciuto, Blu non sa volare: l’unica cosa che gli riesce bene è abbuffarsi di cioccolato e spuntini succulenti

Nella giungla brasiliana il piccolo Macao non solo dovrà portare avanti la sua specie, ma, soprattutto, dovrà costruire una nuova identità di sé stesso, scoprendosi come parte integrante di quell’habitat che, in un primo momento, gli appare così estraneo. In Rio la componente più importante è la formazione: attraverso il viaggio in Brasile, Blu dovrà abbandonare pregiudizi e classificazioni a priori per reinventarsi completamente. Il tutto scorre fluido e funzionale: la narrazione e le gag (divertenti) camminano di pari passo, senza mai far sentire il rumore degli ingranaggi o la presenza invadente della retorica. Persino la denuncia contro la brutalità dell’uomo che devasta la natura è resa con un'intelligenza tale da garantire un coinvolgimento completo, per tutta la famiglia.

Appurata la componente istruttiva, nel film non passa inosservata neppure la tecnica: la giungla brasiliana è un’esplosione di colori accesi e variopinti, che trova la sua massima espressione nella sequenza del carnevale di Rio, dove la narrazione si mette da parte per fare spazio ad un'affascinante fantasia visiva, a beneficio degli esteti.

Anche il 3D – che di solito viene utilizzato solo per gonfiare il prezzo del biglietto – dona quel senso di profondità atto a rendere incantevole un universo vergine ed incontaminato. Splendido il prologo: vicino, per sensibilità emotiva e precisione di montaggio, ad una sequenza chiave apprezzata in Up della Pixar.

di Erika Pomella
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo