Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Nell’ariosa e sconfinata terra di Puglia dell’immediato dopoguerra vive Giordano Ricci (un sorprendente Antonio Albanese), grassoccio personaggio dalla barba ispida e dalla mente labile che si occupa di sminare i campi di Torre Canne. Nonostante il costante pericolo nessuno si oppone a questa sua attività, perché a causa di “certe malinconie passate a cui i medici non hanno saputo trovare rimedio nemmeno con la scossa”, Giordano, da tutti considerato un malato di mente, è ritenuto più sacrificabile di un individuo sano.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Vive avvolto in un protettivo gineceo di vecchie zie (le brava Angela Luce e la compianta Marisa Merlini, perfette nella parte delle zitelle apprensive) che gestiscono la redditizia fabbrica di confetti di famiglia. Ma da Bologna, città ormai distrutta ed affamata dalla guerra, arriva una lettera che cambierà lentamente e per sempre la vita di Giordano: a scrivere è la cognata Lilliana (Katia Ricciarelli), una donna matura e di dubbi costumi, vedova - da pochi mesi - di suo fratello e segretamente amata durante l’adolescenza. Giordano la invita subito nella grande e ricca masseria di Torre Canne dove vive, suscitando immediatamente le irose opposizioni delle zie. Dopo un fortunoso viaggio a bordo di un’auto prontamente rubata dal giovane e scaltro figlio di Lilliana, il profittatore Nino (Neri Marcorè), l’accoglienza in Puglia non è delle migliori; Giordano è l’unico ad essere gentile ma è talmente al colmo dell’emozione che risulta più impacciato del solito mentre Lilliana si rende dolorosamente conto della sua fragilità psichica.

L’estrema bravura del regista sta nel tessere una delicata trama di emozioni, desideri, aspirazioni e dolori, in cui si accendono qua e là delicate tinte ironiche che non stonano nel costituirsi di una dolce schermaglia amorosa in cui l’esitazione è tutto. L’affetto di Lilliana per questo uomo così ricco di bontà e di sensibilità cresce sempre di più e si rafforza in seguito a due eventi: Giordano riesce a procurare allo scapestrato Nino un posto da avvocato e lo toglie dai guai quando tenta di sedurre la figlia del notaio. In un clima di sottile miracolo tutte le divergenze possono appianarsi e i due consumare, in un trionfo d’amore platonico, la tanto desiata seconda notte di nozze.

Giordano la invita subito nella grande e ricca masseria di Torre Canne dove vive, suscitando immediatamente le irose opposizioni delle zie



Ennesima prova sinergica di sceneggiatura e regia da parte di Pupi Avati. Il regista può dirsi fiero di aver evitato lo stereotipo del matto-saggio; al candore di Giuliano Ricci, alla sua predisposizione e stupefazione, va ad aggiungersi un ruolo di grande utilità sociale, quello dell’artificiere. Avati, supportato da location di luminosa bellezza e da un ottimo cast artistico, (basti pensare all’inedita prova della debuttante Ricciarelli, alla bravura di Marcorè nel restituire un personaggio detestabile e così antitetico rispetto al Nello di Il cuore altrove, alla straordinarietà di Albanese) fa trionfare i buoni sentimenti senza ombra alcuna di retorica, è semplice e diretto nello stile e arriva dritto al cuore dello spettatore con fare delicato, dipingendo un percorso che vede rovesciato il classico itinerario verso il nord che tanti meridionali avrebbero affrontato in cerca di opportunità solo pochi anni dopo. Un film compiuto e soave, colmo di dolce malinconia.

di Erika Di Giulio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo