Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Misfits Recensione stagione 2


Misfits Recensione stagione 2

Recensione SIlenzio in sala
Recensioni utenti


La costante presenza di un uomo mascherato dedito al parkour, desta curiosità nel gruppo di ragazzi condannati ai servizi socialmente utili. La seconda stagione conferma la serie ideata da Howard Overman come una delle più interessanti in circolazione. Otto episodi che gli autori utilizzano per elevare a potenza le psicologie dei personaggi, facendoli di conseguenza crescere in ammirazione all'occhio dello spettatore, riuscendo inoltre a trovare un punto d'equilibrio pressoché perfetto tra tutti gli elementi introdotti durante la stagione precedente. Nathan (Curtis Donovan) e Simon (Iwan Rheon) si cedono vicendevolmente la scena e, mentre il primo progressivamente rivela il suo animo ferito, prodotto di una famiglia caratterizzata dall'assenza paterna, il secondo si avvia a conquistare anche i più scettici, sdoppiandosi tra presente e futuro e diventando così la figura trainante dell'intera stagione.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 5.0/5
Voto utenti: 3.0/5

Verso la sci-fi...e oltre
Protagonisti in stile The Breakfast Club e una cornice alla Arancia Meccanica restano i punti di riferimento cinematografici più evidenti. La serie mantiene inalterate le direttive registiche e fotografiche, introducendo però l'archetipo del viaggio nel tempo, riassunto proprio nell'evoluzione del personaggio interpretato da Rheon e fiore all'occhiello di un percorso di genere che, all'indomani della rilettura supereroistica già introdotta nella prima stagione, non può fare a meno di ricorrere, con originalità e successo, a un altro espediente classico della fantascienza. Nonostante ciò Misfits continua a convincere sopratutto per quello che è la sottotraccia: teen (tv) movie con una marcia in più, metafora dell'esistenza adolescenziale, allegoria del passaggio all'età adulta raggiunto attraverso la maggiore responsabilità possibile, ovvero la consapevolezza di possedere, e quindi dover utilizzare al meglio, un potere extraumano. Spiderman docet. Il percorso di crescita naturalmente, non può non passare per scelte dolorose, che nove volte su dieci hanno a che fare con i sentimenti. Sull'argomento Misfits si tuffa di pancia: separa Alisha da Curtis, abbandona Kelly a un'animalesca disavventura sessuale e chiude mirabilmente il cerchio facendo incontrare il “nuovo” Simon con un'incredula Alisha. Quest'ultima, preso atto della doppia dimensione attraversata dal suo amato, si vede costretta a tornare sui suoi passi, avvicinandosi giocoforza all'elemento del gruppo che fino ad allora aveva, senza tanti giri di parole, mai considerato.

Misfits continua a convincere sopratutto per quello che è la sottotraccia: teen movie con una marcia in più.

Senza morale
Buona parte della seconda stagione infatti, è tutta nel primo incontro tra Simon e Alisha. Quest'ultima avvicina l'ex disprezzato compagno dei servizi sociali nel quinto episodio, mentre "Killing Moon", cavallo di battaglia della band new-wave Echo & The Bunnymen, culla in sottofondo il passaggio drammaturgico. Approfondimenti sentimentali a parte, la serie non perde il gusto per la scudisciata (a)moralistica: vedere per credere il trattamento riservato alla figura di un sedicente religioso nell'episodio "Christmas Special": degno, conclusivo erede della chiosa finale ammirata nella prima stagione.

Momenti cult

- Il destino di Nathan, condannato a "restare".
- L'identità dell'incappucciato finalmente viene alla luce.
- Gli incontri con le altre vittime della Tempesta.
- La puntata natalizia: da non perdere.

di Luca Lombardini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questa stagione.
Sii il primo.
DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo