Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Red State Recensione


Red State Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Red State era stato annunciato come «il film horror di Kevin Smith» il che equivaleva a un sacco di aspettative da parte dei fan di un regista che ha abituato il suo pubblico soprattutto a commedie surreali e più o meno impegnate. Smith, che molti considerano al pari di Quentin Tarantino per virtuosismo di dialoghi e citazioni, aveva invece sin da subito chiarito che il film sarebbe stato molto di più che un semplice horror: atmosfere da tradizione anni '80 e un preannunciato attacco al fondamentalismo delle sette cattoliche.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Risultato? Red State è una scheggia impazzita, il frammento di una granata lanciata contro il pubblico, che ricalca sì gli stilemi del genere ossequiandoli come dogmi sacri, ma solo per poi stravolgerli completamente. Proiettato in anteprima al Sudance Film Festival, il film ha da subito spaccato di netto le opinioni di critica e pubblico, facendo parlare molto di sé anche per la distribuzione non convenzionale che Kevin Smith ha deciso di adottare. Niente circuito mainstream per lui, almeno stavolta, almeno negli USA.

L'incipit ha il sapore classico di un qualsiasi teen-movie, con tre adolescenti amici per la pelle che vanno a caccia di sesso facile. Poi tutto cambia, il piacere diventa sadico dolore che segue il filone dei moderni torture-porno, ovviamente riletti da Smith. Infine il film cappotta ancora, in un cambio di punto di vista alla Psycho, trasformando il tutto in un thriller d'azione che molto deve al cinema d'assedio di John Carpenter.Kevin Smith, che dopo il folgorante esordio di Clerks - Commessi ha avuto una carriera parecchio altalenante, dimostra ancora di essere un ingordo onnivoro, stilisticamente inetichettabile che non riesce a resistere a disseminare citazioni e ammiccamenti ovunque. Il cast è strepitoso e se tra i cattivi compare il feticcio tarantiniano Michael Parks (Kill Bill, Death Proof) il cui sermone/monologo di 15 minuti varrebbe da solo la visione del film, dall'altra c'è un redivivo John Goodman che riempie lo schermo nei panni di un poliziotto stanco ma probo. La critica sociale c'è, e nemmeno troppo velata; odio, violenza e bigottismo si mescolano in un tripudio di sangue e parole che culminano in una scena finale che riesce persino a far sorridere - con l'amaro in bocca - proprio come si faceva in Chasing Amy.

Dopo il folgorante esordio di Clerks - Commessi, Kevin Smith dimostra ancora di essere un ingordo onnivoro, stilisticamente inetichettabile che non riesce a resistere a disseminare citazioni e ammiccamenti ovunque.

di Marco Filipazzi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo