Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Strade di fuoco Recensione


Strade di fuoco Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

La rock star Ellen Aim viene rapita da Raven, spietato capo della gang motociclistica Bombers. In soccorso della donzella corre l'eroe senza macchia Tom Cody.

Anno 1984: è tempo di realizzare i propri sogni.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Ormai regista consolidato, Walter Hill riceve finalmente il budget utile per portare a compimento quella che nella sua testa più si avvicinava al concetto di pellicola definitiva: “una favola rock and roll” attraverso la quale ricercare il punto d'incontro tra musical giovanile, action movie, commedia anni '50 e sovrastruttura fumettistica, naturalmente senza dimenticare il consueto sottotesto western. Questa l'idea che muove le fila di Strade di fuoco, cocktail di generi al ritmo di videoclip comunque con i piedi ben piantati a terra, causa le origini tradizionali della sua base narrativa. Ad oggi è sicuramente il film più estroso di Hill, al tempo stesso l'operazione maggiormente circoscritta in un preciso immaginario decennale, cioè quello dei meravigliosi anni '80: quindi giochi di luce, costumi e psicologie stilizzate, musiche più orecchiabili che mai; inconfutabilmente la pellicola che meglio conduce, alle estreme conseguenze, l'atteggiamento videoludico innestato sul fumetto del quale I guerrieri della notte si era posto come apripista.

A partire dai personaggi e dalla loro caratterizzazione, Strade di fuoco è già un altro testo, che utilizza lo schermo cinematografico esclusivamente per riflettersi. Michael Parè veste i panni pulp di Tom Cody, eroe buono a metà tra l'investigatore privato e il picchiatore da saloon, che corre in soccorso della bella e indifesa Diane Lane (ovvero la tipica ruolizzazione uomo-donna della favola classica), spalleggiato nell'impresa dal goffo Rick Moranis, macchietta di contorno, quasi un Robin tanto impacciato quanto utile e generoso. A completare il quadro “proppiano”, naturalmente, c'è l'antagonista: William Dafoe, alias Raven, capobanda dei Bombers dal chiodo nero, ciuffo gelatinoso a metà tra un “rebel without a cause” degli anni '50 e un componente della band Misfits, pallido e scavato in volto come il più temibili dei vampiri. Basterebbe questo per capire cos'è Strade di fuoco: una (rin)corsa verso l'eccesso stilistico, colorata e dal ritmo forsennato, geograficamente in linea con le esplorazioni urbane già teorizzate da Driver l'imprendibile e I guerrieri della notte ma rese qui ancor più fashion dalla costruzione metropolitana di una città senza nome: metà anni '50 e l'altra post apocalisse.

Questa l'idea che muove le fila di , cocktail di generi al ritmo di videoclip comunque con i piedi ben piantati a terra, causa le origini tradizionali della sua base narrativa

I ruoli di preda e cacciatore s'invertono, con il cattivo ad attendere l'arrivo del buono, non prima che quest'ultimo abbia, come di consueto, superato i crescenti livelli di difficoltà tipici del videogame. Strade di fuoco fa ampiamente il suo dovere, ma apprezzarlo fino in fondo non può non prescindere da una questione di gusto: se all'eccesso si preferisce l'asciutta crudeltà riverberata dal reale, difficilmente lo si potrà gustare appieno. Certo è che a guardarlo il termine “fumettone” assume delle sfumature tutt'altro che dispregiative.

di Luca Lombardini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo