Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Albert Nobbs Recensione


Albert Nobbs Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Siamo nella Dublino del XIX secolo. Albert Nobbs (Glenn Close) è un inappuntabile cameriere che lavora presso il Morrison’s Hotel.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Nobbs appare come un ometto timido, gentile ed estremamente riservato, che non sembra essere interessato ad altro che a far bene il proprio lavoro. Quest’apparenza nasconde una verità che risulterebbe quanto mai sconveniente: Albert Nobbs è in realtà una donna, costretta da una tragica storia a fingersi uomo per sopravvivere, e votata a soddisfare un unico desiderio nella vita: aprire un piccolo negozio di tabacchi e sposare la giovane cameriera Helen (Mia Wasikowska).

Da queste premesse si dipana il racconto breve dello scrittore George Moore, che la Close aveva già interpretato a teatro nel 1982, rimanendone colpita al punto da volerne fortemente una versione cinematografica: a distanza di 30 anni tale adattamento è stato portato sullo schermo per la regia di Rodrigo Garcia. Il racconto di Moore presenta una storia che ha tanti punti di contatto con la nostra contemporaneità e colpisce non tanto per la tematica del travestimento e dell’amore omosessuale, quanto piuttosto per la semplicità ed incisività nel descrivere uno stato di profonda solitudine, e la grande dedizione nel perseguire un sogno che aiuta a sopportare le difficoltà di tutti i giorni. Il film riesce benissimo, soprattutto nella prima parte, a farsi descrizione di un’epoca e di un contesto: le ricostruzioni ambientali, i costumi e le interpretazioni degli attori risultano credibili, con una menzione particolare alla delicatezza e precisione con la quale la Close dà vita a Nobbs, personaggio estremamente complesso e frutto di una doppia finzione, quella dell’attrice che lo interpreta e della donna costretta a fingersi uomo.

È però quasi esclusivamente su questo e su alcuni dialoghi che si basa il film, denunciando la propria derivazione teatrale in modo a volte eccessivo, come negli occasionali monologhi con i quali Nobbs esplicita le sue lucubrazioni. Rispetto ai dialoghi, importanti sono quelli che consentono ad Albert di entrare in contatto con il signor Hubert (Janet McTeer) e riuscire da una parte a condividere le proprie difficoltà e dall’altra a sperare in un futuro migliore. Nel momento in cui, apparentemente più per un input esterno che per reale interesse, Albert Nobbs comincia a fare la corte alla bella Helen, il film in qualche modo perde naturalezza, costruisce un triangolo forzato fra i due e Joe (Aaron Johnson), l’addetto alle caldaie che vorrebbe sfruttare i sentimenti di Albert per spillare soldi al cameriere. Nel complesso, nonostante l’intensità della performance della Close sia rimarcabile, non si tratta di un film pienamente soddisfacente, principalmente a causa di una lentezza e una costruzione troppo teatrali, e ad uno sviluppo della seconda parte che non cattura totalmente lo spettatore.

Da queste premesse si dipana il racconto breve dello scrittore [George Moore], che la Close aveva già interpretato a teatro nel 1982, rimanendone colpita al punto da volerne fortemente una versione cinematografica: a distanza di 30 anni tale adattamento è stato portato sullo schermo per la regia di [Rodrigo Garcia]

di Roberto Semprebene
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo