Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Zodiac Recensione


Zodiac Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

David Fincher si conferma dopo l’apocalittico Se7en, il liberatorio Fight club e l'arguto esercizio di stile Panic room, un validissimo storyteller capace di creare con grande logica e interesse, ossessioni e spessore sia psicologico che emotivo. Non corre il rischio di essere prevedibile e raccontare la consueta e piatta successione di omicidi di un serial killer; fa molto di più: presenta le ripercussioni che questa scia di sangue (presumibilmente durata più di venti anni) ha avuto sulle persone direttamente/indirettamente coinvolte.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Tra questi spicca il sontuoso Robert Downey Jr. nelle vesti di un acuto ed eccentrico giornalista del San Francisco Chronicle. Il protagonista del film è però indubbiamente Jake Ghyllenhaal, nei panni del vignettista Robert Graysmith, che dopo un inizio da comprimario si ritrova piano piano a reggere il film esclusivamente sulle sue spalle con esito sorprendentemente (ma forse neanche tanto) positivo. La spalla di lusso che accompagna la vicenda è un Mark Ruffalo (l’ispettore Dave Toschi) in forma smagliante che non smette di indagare e scavare nell’illogica logica comportamentale del serial killer (per altro assistito dal sempre posato Anthony Edwards).

Sullo sfondo di una Los Angeles quasi interamente ricostruita digitalmente su green screen, Fincher si basa sulla tesi di Robert Graysmith, che negli anni ‘90 pubblicò la più credibile indagine sul serial killer, individuandolo in Arthur Leigh Allen. Zodiac è un film compiuto e profondo, che purtroppo non ha avuto il successo meritato nei botteghini statunitensi. È un thriller sull’ossessione (materia a cui rimane fedele la filmografia del regista di Denver), sull’ansia e sull’autoconvincimento nel cercare un senso anche laddove sembra non essercene. Sta proprio nel voler forzare i limiti, nella voglia di andare sempre più giù, fin dentro all'abisso che rendono Zodiac un film meraviglioso, in cui si respira per tutta la durata la mano di uno dei migliori talenti registici moderni.

Un film meraviglioso, in cui si respira il genio di uno dei migliori talenti registici moderni.

di Leonardo Piva
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo