Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Diversità e solitudine; atmosfere magiche e poesia allo stato puro. È Edward Mani di Forbice il film che segna la maturità di Tim Burton, dopo lavori senza dubbio originali e divertenti come Beetlejuice o il primo Batman, lavori che già gli avevano permesso di raggiungere notorietà internazionale e che lasciavano ampiamente intravvedere il talento geniale e visionario del giovane regista.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.5/5
Voto utenti: 3/5

Mentre i titoli di testa trascinano lo spettatore attraverso le prime immagini in un edificio solitario ed inquietante, l'accompagnamento sonoro di Danny Elfman anticipa le caratteristiche di un mondo onirico e magico. In una fredda e nevosa notte invernale una nonna amorevole racconta alla nipotina una fiaba perché si addormenti.

Una fiaba dark: una narrazione nuova e un nuovo modo di fare cinema che avrebbe profondamente segnato quello a venire. Edward (interpretato da un magnifico e giovanissimo Johnny Depp) è un automa creato in laboratorio da un vecchio geniale inventore (il magistrale Vincent Price). Se l’idea era nata come una macchina per tagliare ortaggi, i risultati sono andati ben oltre alle aspettative, in quanto il vecchio inventore ha forse ecceduto in una delle caratteristiche di questa sua ultima invenzione: l’anima. Edward è un artista, un ragazzo timido e indifeso, dall’animo infinitamente buono e gentile. Certo il suo aspetto non è dei più comuni, ma soprattutto sono le sue mani a non essere come quelle di tutti gli altri.

Una fiaba dark: una narrazione nuova e un nuovo modo di fare cinema che avrebbe profondamente segnato quello a venire.



Chiara metafora della diversità, Edward non appartiene a questo mondo crudele e banale ma, in senso figurato, rappresenta la fantasia, la gioia di vivere, la bellezza dei sentimenti più puri e spontanei. Ed è per questo che il mondo non riesce ad accoglierlo. La critica di Tim Burton è evidente: l’attuale società, così fatua e superficiale, vittima dell’ipocrisia imperante, ha dimenticato i sentimenti più puri, alimentando un mondo spietatamente crudele che non concede spazio alla sensibilità e alla diversità. Nonostante i tentativi di integrarsi, e benché incontri persone aperte alla sua straordinaria umanità, Edward alla fine cadrà vittima di un’incompatibilità di fondo che non può trovare risposta.

È proprio la sua diversità a renderlo straordinario e tristemente incompreso: come l’artista profondamente romantico incapace di comunicare con una società a lui totalmente estranea ed incomprensibile; una società che sembra riconoscerlo come proprio figlio solo per le sue opere, ma che ciò nonostante lo emargina, non riuscendo mai ad accettarlo completamente. La visione burtoniana è aperta verso una concezione della vita poetica e metaforica, in bilico fra la cittadina, colorata e prefabbricata – che sembra prodotta da una catena di montaggio – e il castello, oscuro e irraggiungibile, emblema di quel mondo di fantasia e purezza che Edward rappresenta. La regia visionaria di Burton non disdegna lampi di classe meravigliosi e scene che ormai sono entrate di diritto nell’immaginario collettivo (come la scena della prima apparizione di Edward, tristemente rannicchiato in un angolo oscuro sotto il lucernario sfondato), avvalorati da preziose performance attoriali. Se il cinema è poesia, Edward mani di forbice ne è la quintessenza.

di Ivan Zulberti
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo