Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Andy (Briana Evigan), la nuova arrivata alla Maryland School of the Art, vuole partecipare e vincere a “The Streets”, la più importante competizione di ballo da strada di tutta Baltimora. Per farlo, dovrò allearsi con Chase (Robert Hoffman), il ragazzo più ricco e concupito dell'istituto, e con esso comporre una “crew” di singolari elementi con la quale partecipare all’evento, il tutto all'insaputa di Blake (Will Kemp) , fratello di Chase e rigido direttore della MSA.

Questo in poche parole il soggetto di Step Up 2 – La Strada per il Successo.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 4/5

Dimessi i toni cupi e seriosi della pellicola d’esordio nella quale il protagonista Tyler si aggrappava alla danza per uscire da una realtà fatta di miseria, rapine ed omicidi, questo secondo capitolo ci presenta la classica favola americana, dove "a belle persone succedono belle cose”, e nel quale anche il più malfamato ghetto di Baltimora appare come un ganzo quartiere da videoclip. Così abbiamo i presunti emarginati della società, l’originale crew di Andie (i 410), ad andare in giro con addosso una quantità d’oro che neanche un faraone egiziano dei bei tempi, e il vederli scontrarsi con gli studenti della prestigiosa scuola d’arte, accusando quest’ultimi di essere dei figli di papà, è indubbiamente una delle scene più comiche del film. Volendo riassumere la trama come l’incrocio tra un cartone animato Disney e un video di Lil' Kim, il film fortunatamente rialza la testa portando sul grande schermo delle coreografie di vivido impatto visivo ed emozionale, arrecando sincere scariche di adrenalina anche agli animi più assopiti.

L’esordiente regista Jon M. Chu compie un ottimo lavoro nel valorizzare al meglio le incredibili performance degli artisti presenti e tra break dance, hip hop ed evoluzioni che sfidano le leggi di gravità; ogni volta che la musica alza il volume e gli animi si scaldano la pellicola sale improvvisamente di tono, elargendo a piene mani del sano e sincero intrattenimento. Narrativamente meno attento alle dinamiche del ghetto e più incline alla commedia leggera, questo Step Up bis riesce quindi ad essere una visione tutto sommato piacevole, sempre a patto ovviamente di avere ben presente la tipologia alla quale il prodotto appartiene.

Così abbiamo i presunti emarginati della società, l’originale crew di Andie (i 410), ad andare in giro con addosso una quantità d’oro che neanche un faraone egiziano dei bei tempi, e il vederli scontrarsi con gli studenti della prestigiosa scuola d’arte, accusando quest’ultimi di essere dei figli di papà, è indubbiamente una delle scene più comiche del film

di Luca Provenzano
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo