Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Sister Recensione


Sister Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Un vuoto sguardo malinconico caratterizza i protagonisti di Sister, il nuovo lavoro di Ursula Meier, talentuosa regista di Home. Esperta nella narrazione di storie di vita complicate e bizzarre, l’autrice realizza un’opera drammatica e disillusa che racconta la vicenda di due solitudini destinate, probabilmente, a non incontrarsi mai.

In una sperduta stazione sciistica sulle Alpi, il piccolo Simon, un orfano di dodici anni, deruba i ricchi turisti del posto, rivendendo subito la refurtiva, per sfamare se stesso e la sorella Louise.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

La ragazza è un’affascinante sbandata che, senza un lavoro, passa da un amante all’altro e non riesce a prendersi cura di suo fratello. Il legame tra i due, instabile e volubile, però, nasconde un misterioso segreto…

Premiato con l’Orso d’argento speciale al Festival di Berlino 2012, Sister è una pellicola intensa e appassionante che, guardando allo stile naturalistico dei fratelli Dardenne, permette allo spettatore di sentirsi parte integrante della vicenda. La storia è scandita dai piccoli, pericolosi, ripetitivi gesti di Simon e guardata attraverso gli occhi di un bambino alla costante ricerca dell’approvazione della persona con cui vive. Una sorella che ama a tal punto da sacrificare tutto ciò che possiede per regalarle un misero miraggio di felicità. Ursula Meier e Antoine Jaccoud, collaborando con Gilles Taurand, costruiscono un racconto costantemente in bilico tra due dimensioni opposte e complementari: il mondo dei ricchi e quello dei poveri, il lavoro e la disoccupazione, la disperazione e la felicità, la repulsione e l’accettazione, l’amore e l’odio. Dimensioni assolutamente inconciliabili in un mondo che non permette vie di mezzo ma esclude a priori il “diverso”, colui che, volente o nolente, si differenzia dalla massa. Se crescere vuol dire rinunciare alla purezza e all’autenticità, forse è meglio fuggire lontano e cercare un posto in cui i destini possano ricongiungersi serenamente.

Il legame tra i due, instabile e volubile, però, nasconde un misterioso segreto… Premiato con l’Orso d’argento speciale al Festival di Berlino 2012, è una pellicola intensa e appassionante che, guardando allo stile naturalistico dei fratelli Dardenne, permette allo spettatore di sentirsi parte integrante della vicenda

Anche a costo di chiudersi ermeticamente in un mondo puramente immaginario. Attraverso una fotografia poco contrastata, scenografie naturalistiche, una musica soffusa e due protagonisti fragili e insicuri, Sister diventa uno spaccato di vita comune, una proiezione del totale rifiuto della solitudine e della mancanza di affetto, attraverso cui Ursula Meier riesce a valorizzare il talento di Léa Seydoux e del piccolo Kacey Mottet Klein con il tocco sensibile e delicato di una donna che, sulla porta, guarda riposare i propri piccoli.

di Martina Calcabrini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo