Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Sebbene siano passati più di dieci anni dal dramma dell'11 settembre, il crollo delle Torri Gemelle rimane una scena indelebile nella memoria collettiva. Il mezzo cinematografico ha cercato in molti modi di affrontare quella tragedia, di esorcizzarne la paura e superarne il trauma.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Dopo Fahrenheit 9/11, Remember Me e World Trade Center, Hollywood torna a parlare dello spettro americano che si aggira ancora per le strade, negli edifici, nelle case. Stephen Daldry, nuovamente dietro la macchina da presa dopo il premiato The Reader, realizza l'adattamento cinematografico del romanzo di Jonathan Safran Foer.

Oskar Schell è un bambino di nove anni talmente intelligente che, involontariamente, finisce per assumere comportamenti eccentrici ed ossessivi. Il padre Thomas è un marito fedele, un genitore affettuoso e premuroso che instaura un rapporto speciale con il figlio. Valorizzando al meglio le doti intellettuali di Oskar, l’uomo organizza delle “spedizioni esplorative”, delle vere e proprie cacce al tesoro che portano il ragazzo a scoprire il mondo, pur rapportandovisi da lontano. Il giorno dell’attentato alle Torri Gemelle, Thomas si trova in uno degli edifici e rimane vittima dell'eccidio. Oskar non riesce a darsi pace per la perdita del padre, cerca un modo per sentirsi vivo e, conseguentemente, di trasformare la sofferenza interiore in un dolore fisicamente reprimibile. Quando rompe un vaso del padre e vi scopre una chiave misteriosa, il bambino inizia a cercare la porta che questa può aprire.

Oskar Schell è un bambino di nove anni talmente intelligente che, involontariamente, finisce per assumere comportamenti eccentrici ed ossessivi

L’unico indizio di cui dispone è la scritta “Black” sulla busta che la contiene e, così, a piedi, parte alla ricerca dei 472 Mr. e Mrs. Black che abitano a New York. Una spedizione lunga e complicata che, tra successi e delusioni, lo porterà a scoprire il vero senso della vita.

Non era facile trovare il giusto equilibrio tra dramma e melodramma e bilanciare, senza eccedere, un'irrefrenabile vena emotiva e il disperato tentativo di lottare per un mondo (e contro un destino) iniquo.

Eppure Eric Roth, sceneggiatore di Forrest Gump, è riuscito a costruire una storia che, pur rimanendo fedele al romanzo originale, evita eccessi di pathos. Il personaggio di Oskar viene privato di tutte quelle sfaccettature ironiche e vivaci che, originariamente, lo caratterizzavano a favore della sua indole malinconica, sofferente e disperata. Il piccolo Thomas Horn porta sulle sue esili spalle il peso di un segreto tanto amaro quanto imbarazzante che lo rende, fotogramma dopo fotogramma, più maturo. Punto focale dell’intera narrazione, Oskar utilizza gli occhi per assistere alla tragedia, le orecchie per ascoltare le urla di dolore, le gambe per correre lontano. Le numerose soggettive acustiche e visive, le lunghe inquadrature sfocate, silenziose e appannate, contraddistinguono gli eventi più importanti della pellicola, quelli del “giorno più brutto”. Tom Hanks e Sandra Bullock tentano di affiancarlo con interpretazioni intense e commoventi, sebbene la storia, tra flashback, ricordi e visioni, cerchi di mantenere l’attenzione del pubblico ben salda sul piccolo protagonista. Un bambino in costante ricerca d’amore che, perdendo il suo affetto più grande, cerca un amico nell’enigmatico vicino di casa, un Max Von Sydow privato della parola ma in grado di colpire anima e cuore dei personaggi, e degli spettatori. Stephen Daldry, regista di Billy Elliot e The Hours, confeziona un’opera drammatica, coinvolgente ed emozionante, in bilico perenne tra amore e odio, gioie e dolori, vita e morte, ricordando che “se le cose si trovassero facilmente, non varrebbe la pena di cercarle”.

di Martina Calcabrini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo