Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Shining Recensione


Shining Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Martellante, sinistra e vorticosa parabola della follia. Rutilante discesa della mente umana verso un formicolante delirio che insinua il suo tarlo marcescente tra i monotoni battiti cerebrali.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 5.0/5
Voto utenti: 3.7/5

Stanley Kubrick, dopo aver navigato gli infiniti sentieri senza spazio né tempo della deriva cosmica esistenziale in 2001: Odissea nello spazio e aver scavato nei meandri della grottesca violenza fisica e psicologica che permea l’intero sistema sociale in Arancia Meccanica, approda al racconto di Stephen King e alla sua rielaborazione del tema della haunted house, dirigendo una pellicola che si discosta tanto dalla trama del romanzo, quanto dalle regole del genere horror, destrutturando e aprendo, in maniera capillare e ossessiva, disturbanti fessure visive, temporali e sonore dell’arco narrativo.

Jack Torrance (Jack Nicholson), insegnante disoccupato e scrittore frustrato, accetta di trasferirsi con la moglie (Shelley Duvall) e il figlio Danny (Danny Lloyd) all’Overlook Hotel durante i mesi di chiusura invernale, in qualità di custode della struttura. Nonostante la prospettiva del lungo periodo di isolamento e i tragici avvenimenti accaduti nell’albergo, Jack considera il posto l’occasione per trovare finalmente la concentrazione e la tranquillità necessaria alla stesura del suo nuovo romanzo. Ma le inquietanti presenze e le agghiaccianti visioni che si rivelano al piccolo Danny, dotato di particolari poteri paranormali, saranno soltanto il preludio alla maestosa dissennatezza che travolgerà Jack, risucchiandolo in un turbine di insano e delirante pathos omicida.

Gli estenuanti e claustrofobici movimenti di macchina, così come i lenti zoom out sui primi piani dei protagonisti, i lunghi corridoi e le labirintiche fughe prospettiche degli interni, unito all’uso persecutorio della steadycam di Garrett Brown, fanno di Shining un asfissiante nodo alla gola che deve l’efficacia della sua stretta all’atmosfera di angosciante ambiguità, di inquietante sfuggevolezza interpretativa, oppressa e soffocata dalla perfetta simmetria degli ambienti e da specchi che rimandano raggelanti riflessi di morte. L’incessante sostrato sonoro rigurgita vermigli strati di tensione emotiva alimentando, per poi spezzarla nei suoi sordi apici, l’ipnosi fruitiva. La brulicante angoscia del brano Kanon di Krzysztof Penderecki, o il crescente vortice psicopatico sostenuto dalla Musica per archi, percussioni e celesta di Bela Bartok e Herbert von Karajan, sono l’ossessionante e insano respiro che commenta i più alti momenti all’interno dei ciechi vicoli della follia. Le scorribande del piccolo Danny sul triciclo, o l’avanzare di Jack sull’incolumità della moglie che brandisce con lamentoso piagnisteo una mazza da baseball, o ancora l’estremo inseguimento finale nei gelidi sentieri innevati, diventano un annebbiato brancolare, nel tentativo di afferrare un ultimo recondito barlume di sanità mentale: tragicamente e ciclicamente – nel perverso gioco kubrickiano di eterni ritorni – negato da un luogo pregno di memorie infernali.

Gli estenuanti e claustrofobici movimenti di macchina, così come i lenti zoom out sui primi piani dei protagonisti, i lunghi corridoi e le labirintiche fughe prospettiche degli interni, unito all’uso persecutorio della steadycam di Garrett Brown, fanno di Shining un asfissiante nodo alla gola

Così come l’uomo, nel sempiterno circolo dell’esistenza, diventa insignificante e perduta monade in un labirinto inestricabile.

di Giuseppe Salvo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo