Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Spider-Man Recensione


Spider-Man Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

«Da un grande potere derivano grandi responsabilità». Il comic-movie, calderone multigenere e per eccellenza simbolo dell'intrattenimento cinematografico del nuovo millennio, è tutto in questo estratto morale: in quanto Spider-Man si configura fin da subito come suo portabandiera.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

E pazienza se il primo tessi-ragnatele di Sam Raimi giunge cronologicamente tardi rispetto al mal riuscito sperimentalismo di Spawn o alla pietra angolare gettata da Bryan Singer con X-Men nel 2000. Il primo adattamento delle avventure dell'Uomo Ragno rappresenta l'origine popolare di una tendenza che, negli anni a venire, occuperà le sale cinematografiche dell'intero pianeta, creando seriali proselitismi e legando a doppio nodo l'industria cinematografica con quella fumettistica, mai così indissolubili, definitivamente dipendenti.

Spider-Man è il vanishing point del cinema dal doppio zero finale, il “punto zero”, quello dal quale è impossibile fare ritorno; in grado di scindere ciò che vi è stato prima da quanto vi sarà all'indomani. La prima creatura di Raimi è pressoché esente da difetti, tanto tecnici quanto narrativi o emotivi, in quanto trascinata da una passione viscerale verso la materia prima professata dal suo autore che, trasponendola sul grande schermo, arriva a realizzare, probabilmente, il sogno di un'intera carriera. Il regista de La Casa raggiunge con spontaneità al cuore metaforico del fumetto, appropriandosi non tanto del suo lato spettacolare, invero mai in secondo piano di considerazione, quanto della morale e delle contraddizioni sentimentali che caratterizzano il super eroe.

A caricarsi il fardello è Tobey Maguire, monoespressivo per i detrattori, alla fine della fiera perfetto per indossare gli scomodi panni del primo Peter Parker: adolescente timido e sommerso dai libri, incapace di costruirsi una vita sociale e, di conseguenza, inadeguato a far breccia nel cuore di Mary Jane Watson, vicina di casa e non dichiarato amore di una vita. Un ragazzo costretto a crescere in fretta, a causa di un superpotere che, involontariamente, gli porta via l'amato zio Ben, trasformandolo infine nel notturno protettore di New York: eroe mascherato inviso all'opinione pubblica, quest'ultima fomentata dal quotidiano Daily Bugle, testata per la quale Parker lavora come fotografo freelance.

è il del cinema dal doppio zero finale, il “punto zero”, quello dal quale è impossibile fare ritorno; in grado di scindere ciò che vi è stato prima da quanto vi sarà all'indomani

Un buono trattato alla stregua di una minaccia, essere superiore ritenuto, almeno inizialmente, pericoloso. Proprio ciò che avveniva con gli uomini X di Singer, dissonanza di percezione che caratterizza qualsivoglia fumetto o graphic novel di valore che tratti, con abilità, tematiche extra umane; che inevitabilmente cozzano con il feedback terrestre e terreno. Nonostante il precario equilibrio produttivo dettato dalla tragedia delle torri gemelle, la pellicola riesce nella doppia impresa di rappresentare su celluloide quanto il disegno riportava su carta e di instaurare con New York un legame che sa di cordone ombelicale: all'interno del quale senza il secondo (la grande mela), non avrebbe motivo di esistere il primo (l'eroe). Il resto è volume, ma di assoluta qualità: antagonisti e linee narrative ancora ansiose di essere sviluppate che fanno del primo Spider-Man un maestoso romanzo di formazione.

di Luca Lombardini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo