Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Spider-Man 3 Recensione


Spider-Man 3 Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il terzo capitolo della saga supereroistica griffata Raimi è, senza se e senza ma, il film più sottovalutato e incompreso della prima decade dei 2000. Bersagliato su più fronti, liquidato con il beneficio della sufficienza o poco più in quanto film diretto da Sam Raimi e basta, Spider-Man 3 continua a pagare l'attesa al varco di fan e detrattori, nonostante quest'ultimo tassello rappresenti, tempo che scorre alla mano, probabilmente l'episodio più ambizioso e meglio riuscito della trilogia in questione.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 2.5/5

Quello insomma, “invecchiato” meglio. Principale motivo del contendere è da sempre la sceneggiatura, curata da Alvin Sargent, lo stesso regista e Ivan Raimi: colpevole, secondo la maggioranza, di aver esagerato in fatto di personaggi e situazioni; gli stessi che, una volta chiamati in causa, finirebbero per affollare la scena, saturandola fino al soffocamento.

Eppure il capitolo conclusivo della trilogia piace proprio per la simultanea presenza di quattro individualità dalle capacità extraumane, invero mossi da desideri e pulsioni del tutto terrene, riassumibili con il termine vendetta. Questo il desiderio di Harry Osborn, consumato dal crescente odio nei confronti dell'amico d'infanzia e ora colpevole, scoperto, della dipartita paterna. Così come Flint Marko, evaso di prigione solo per correre al capezzale della figlia malata. Questo cerca di ottenere Eddie Brock all'indomani del licenziamento e della perdita dell'amore (Gwen Stacy). Ciò, infine, bramano gli schiumanti occhi di rabbia di Peter Parker, uno volta compreso che la mano capace di mettere fine alla vita di zio Ben era, effettivamente, quella di Marko.

Eppure il capitolo conclusivo della trilogia piace proprio per la simultanea presenza di quattro individualità dalle capacità extraumane, invero mossi da desideri e pulsioni del tutto terrene, riassumibili con il termine

Raimi, dopo averne testato le capacità con Spider-Man 2, spinge sull'acceleratore dei sentimenti amplificando a dismisura l'effetto melodrammatico che percuote le corde nascoste della pellicola: regalando, a chi nei precedenti episodi aveva apprezzato più di ogni altra variante la componente caratterialmente vinta e dolorosa dei protagonisti, quanto di meglio poteva aspettarsi.

Certo, Spider-Man 3 non si trascina dietro solo petali: anzi, di tanto in tanto sembra anche inciampare, provato com'è dalla responsibilità di sopperire a cotanta abbondanza; nonostante ciò non dà mai l'impressione di soffrire di fiato corto. Tutt'altro: a dispetto dei 140 minuti di durata (a conti fatti decisamente più leggeri e ben impiegati rispetto al medesimo minutaggio scelto da The Amazing Spider-Man di Marc Webb) e delle inevitabili divergenze con la storia su carta, invero sempre presenti fin dal prototipo e non per questo decisive ai fini di un giudizio finale. Apprezzare, e non comprendere, questo capitolo ha a che fare con una precisa postura prima cinefila e subito dopo critica, da adottare al momento della visione.

Dietro la mirabilia tecnica di Sam Raimi c'è molto di più, nello specifico un microcosmo di uomini, giovani e non, custodi di grandi capacità mosse da cuori terrestri. Tutti, al termine dello spettacolo, meritevoli di tale palcoscenico sopratutto per scrittura, la stessa che regala vita cinefila a Marko/SandMan: villain che pare precipitato direttamente da un gangster movie con James Cagney.

di Luca Lombardini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo