Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Eva Recensione


Eva Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

L’uomo è sempre stato affascinato dall'evoluzione dell'intelligenza artificiale, e dalle conseguenze di un suo incontro/scontro con le macchine. Crash, A.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

I. e Io Robot, sono solo alcuni dei prodotti più innovativi creati ad uso e consumo di un genere fantascientifico in perenne divenire. Il cinema spagnolo, finora privo di pellicole simili, affida all’esordiente Kike Maíllo il compito di dirigere il primo film ispanico di sci-fi robotica, presentato Fuori Concorso al Festival di Venezia 2011.

Spagna, 2041. Alex Garel è un importante ingegnere cibernetico scelto dalla Facoltà Robotica di Santa Irene per creare il primo robot bambino. L’uomo torna nella sua città natale dopo dieci anni di assenza e ritrova Lana, la sua ex fidanzata, divenuta moglie di suo fratello David e madre della piccola e brillante Eva. Tra Alex e la bambina si instaura subito un legame molto profondo tanto che l’uomo sceglierà sua nipote come modello umano per il robot in progettazione.

Una tempesta di fiocchi di neve su una glaciale distesa innevata e, all’orizzonte, un saltellante cappottino rosso. La panoramica iniziale altro non è che lo specchio della protagonista, la piccola Eva, una bambina solare, vispa e divertente. Ha sempre una risposta a tutto e vuole avere, inesorabilmente, l’ultima parola in ogni discussione.

Il cinema spagnolo, finora privo di pellicole simili, affida all’esordiente [Kike Maíllo] il compito di dirigere il primo film ispanico di sci-fi robotica, presentato Fuori Concorso al Festival di Venezia 2011

Grazie a queste caratteristiche, Eva è l’unico raggio di sole nella monotona vita dei suoi genitori, inglobati in una piccola cittadina vintage che cerca di anticipare i tempi attraverso variegati esperimenti di laboratorio. Le sue eccentriche caratteristiche colpiscono l’attenzione di Alex, che cerca di riprodurle nella memoria emotiva del suo robot bambino. Un’intelligenza artificiale imprevedibile e fragile, esattamente come il suo modello d'ispirazione. Davanti a tentativi falliti, deludenti o altresì pericolosi, basta chiedere - seppur dolcemente – “Cosa vedi quando chiudi gli occhi?” per distruggere vita ed emozioni di un androide.

In un mondo in cui gli animali di compagnia, i domestici e persino le segretarie sono cyber di ultima generazione, capaci di aumentare o diminuire il proprio “livello emotivo” a seconda delle circostanze, Kike Maíllo introduce una prevedibile vicenda sentimentale che cozza prepotentemente contro l’universo idilliaco e immaginario della storia. Il convenzionale triangolo amoroso rallenta il ritmo della narrazione e offusca i virtuosismi registici, i dinamici effetti speciali e, persino, il realismo della fotografia che, inizialmente, conferisce un’aurea incontaminata alla pellicola. Nonostante il carisma della piccola Claudia Vega e la bravura di Daniel Brühl (7 giorni in Havana e Bastardi senza gloria), Eva rimane un film algido che non riesce a coinvolgere lo spettatore fino in fondo. Quando niente è come sembra e nessuno è - o meglio, sa - chi dice di essere, crollano tutte le certezze e rimane solo la voglia di provare a migliorare le cose. D’altronde, per imparare a fare qualcosa, bisogna cadere molte volte.

di Martina Calcabrini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo