Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Sliding Doors Recensione


Sliding Doors Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il destino si gioca in una manciata di secondi: è la scelta compiuta o quella mancata a decidere il corso della nostra vita? Helen Quilley (Gwyneth Paltrow) viene licenziata senza preavviso dall’azienda in cui lavora come PR. Amareggiata e sconfortata decide di rientrare a casa dove aveva lasciato ancora dormiente il fidanzato Jerry (John Lynch).

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Quest’ultimo è uno scrittore in erba, impegnato nella stesura del suo primo romanzo che non riesce a portare avanti a causa probabilmente di una tempesta ormonale che ne rallenta l’ispirazione. Il fedifrago, ad insaputa dell’ingenua Helen, da tempo conduce una relazione clandestina con la ex fiamma Lydia (Jeanne Tripplehorn). Ed è proprio nel clou di una colluttazione amorosa tra i due amanti che Helen nel frattempo perde la metropolitana e rimane vittima di un tentato scippo. Giunta a casa trova solo un po’ di disordine, il fidanzato più impacciato e balbettante del solito e qualche dettaglio fuori posto. Il regista Peter Howitt utilizza le porte scorrevoli della metropolitana come elemento chiave del racconto e pone al pubblico l’emblematica domanda: e se Hellen fosse riuscita a prendere la metro rincasando prima e cogliendo Jerry in flagrante?

Lo scorrere di una porta, l’oltrepassare una soglia o l’esserne respinti, nell’interpretazione cinematografica, disegnano sviluppi narrativi contrastanti, talvolta estremi, altre volte diametralmente opposti. Da un lato Helen che perde la metro si dipana tra una relazione ormai priva di stimoli e una vita lavorativa frustrata. Solo alla fine di una lunga catabasi, il caso sembra sorriderle, regalandole un nuovo amore.

Ed è proprio nel clou di una colluttazione amorosa tra i due amanti che Helen nel frattempo perde la metropolitana e rimane vittima di un tentato scippo

Dall’altro una donna affranta, che trasforma positivamente il dramma scaturito dalla scoperta del tradimento. Padrona finalmente della sua vita, trova un lavoro e inizia timidamente una nuova relazione con un perfetto sconosciuto incontrato casualmente sulla metropolitana. Ma le soprese che il fato ha in serbo non finiscono mai, e non sempre sono piacevoli.

L’idea narrativa, nata dal lungometraggio Destino Cieco di Krzysztof Kieślowski, è ricca di spunti e di riflessioni filosofiche lontane purtroppo dalle scelte stilistiche compiute dall’esordiente Peter Howitt, che privilegia uno sviluppo della trama romantico e prettamente commerciale. Se Helen è la stessa persona, a prescindere da come il destino strumentalizzi le sue scelte, sono da discutere i mezzi utilizzati per raccontare le diverse identità della protagonista.

Sceneggiatura, montaggio e fotografia, ad eccezione di poche battute - come l’esilarante scenata di gelosia dell’ex Lydia a Jerry o la scena in cui quest’ultimo nasconde la ex (comparsa alla finestra di casa) alla fidanzata Helen -, non riescono ad innalzare ritmi blandi che confluiscono in un altrettanto scialbo finale. Jerry, lontano dagli imperativi categorici di virilità e machismo tipici della cultura moderna, è una pallida copia dei personaggi interpretati dallo straordinario Woody Allen. Gli interpreti maschili, marionette striscianti ai piedi di donne ambigue vergini/megere assetate d’amore (o di sesso), brancolano in una storia sospesa: tutti personaggi che, nonostante percorsi esistenziali dislocati e paralleli, si ritrovano a percorrere le stesse strade, a frequentare gli stessi locali, a compiere le medesime azioni per tutta la durata della pellicola. Con Sliding Doors, Howitt evidenzia i difetti di una macchina da presa ancora poco rodata, pur tuttavia confezionando un racconto che non delude le aspettative degli amanti del genere sentimentale. Ogni vera storia d’amore riserva sempre quell’elemento magico inatteso che rende la vita degna di essere vissuta.

di Antonella Sugameli
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo