Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Prometheus Recensione


Prometheus Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Nel 1979 Ridley Scott ha settato degli standard di un genere, che fonde la fantascienza con l’horror per esprimere in qualche modo la paura dell’ignoto atavicamente radicata nel genere umano. Con Prometheus il regista britannico torna a far riferimento a quella paura, declinandola nel suo corrispettivo gnoseologico: la volontà di conoscere, di scoprire e di avvicinarsi alle risposte che da sempre l’uomo cerca: chi siamo? Da dove veniamo? Queste le premesse teoriche di un film che, seppur incapace di inserirsi pienamente nella serie di Alien, di cui rappresenta una sorta di prequel/spin-off ambientato decenni dopo l'originale, non manca di spunti di riflessione legati ad esso indirettamente, ponendo in autonomia le basi di una ricerca che, possiamo dirlo senza sorprendere nessuno, non porta ad alcun risultato certo.

Prometheus è il nome del Titano che sfidò gli dei per donare il fuoco agli esseri umani e con tale dono elevarne l’essenza.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Tale nome viene dato ad un’astronave mandata alla ricerca di un particolare pianeta che, in base alle scoperte di due archeologi (Noomi Rapace e Logan Marshall-Green) si suppone essere la patria di una razza aliena cui forse la razza umana dovrebbe la propria esistenza. La nave, finanziata da un magnate (Guy Pierce) in punto di morte e governata da un androide (Michael Fassbender), durante il sonno criogenico dell’equipaggio, raggiunge effettivamente un pianeta, ma quanto la spedizione vi troverà potrebbe non corrispondere ai sogni e alle speranze degli esploratori.

Nel prepararsi alla visione di Prometheus, una buona norma da consigliare potrebbe essere quella di non tenere in considerazione la saga di cui fa parte, ma considerarlo come un film a sé stante, per altro fortemente indirizzato verso una chiave di lettura che trascende l'elemento fantascientifico. Questo anelito filosofico è il limite maggiore di un film che per il resto non presenta grandi pecche e al quale anzi si possono riconoscere pregi come gli effetti speciali, alcune sequenze di un certo impatto – su tutte quella, inverosimile ma impressionante, del parto cesareo autogestito – e un mix d’azione, umorismo - a piccole dosi - e dialoghi ben scritti che intrattiene in modo efficace. Ciò detto, non si tratta solo della pretesa di avanzare complesse riflessioni attraverso tale messa in scena a lasciare perplessi, ma anche l’operazione in sé: le aspettative su questo film, legate al binomio Scott/Alien, non possono essere soddisfatte poiché il rimando alla pellicola del 1979 è del tutto superfluo e probabilmente tale da costringere Scott ad una serie di forzature. Il rapporto con la divinità e con il senso del sacro, la dicotomia scienza-fede, il tema della creazione e della riproduzione sono gli elementi più marcatamente presenti nel film, in parte esplicitati in modo anche divertente nei dialoghi fra gli umani e l’androide David, quest'ultimo vero cardine della storia e probabilmente il personaggio meglio costruito, caratterizzato e recitato. Prometheus lascia sensazioni indefinite: Scott propone un racconto dalle premesse eccessive che, risultando troppo labili, si sfilacciano nell'arco della narrazione. Di contro l’azione non prende mai totalmente il sopravvento e non consente quindi di calarsi nell’ottica del classico film di fantascienza di puro intrattenimento.

Nel prepararsi alla visione di Prometheus, una buona norma da consigliare potrebbe essere quella di non tenere in considerazione la saga di cui fa parte, ma considerarlo come un film a sé stante, per altro fortemente indirizzato verso una chiave di lettura che trascende l'elemento fantascientifico.

di Roberto Semprebene
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo