Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Hotel Transylvania Recensione


Hotel Transylvania Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Una notte buia squarciata da fulmini, un castello incantato assalito da torcie e forconi, una famiglia felice distrutta dall'odio degli umani. Genndy Tartakovsky, famoso soprattutto per la creazione di prodotti televisivi come Star Wars: Clone Wars e Samuray Jack, esordisce in cabina di regia con il lungometraggio di animazione Hotel Transylvania, una commedia gotica e burlesca che, alternando il patinato all'eccentrico, la musica classica al rap sfrenato, la classicità alla moda del momento, invita a riflettere sul vero significato della diversità.

1895.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Dracula, la giovane moglie e la piccola Mavis, vengono attaccati da un gruppo di umani che, avendo scoperto la loro vera natura, danno fuoco al castello. La Regina perde la vita e così, il conte, giura solennemente di proteggere la figlia da tutti i pericoli del mondo. Costruisce un luossuoso Hotel segreto, in cui tutti i mostri possono trascorrere indisturbati le proprie vacanze, protetti da una foresta infestata da fantasmi e da una valle di non morti. Nel giorno del 118 compleanno di Mavis, quando Dracula organizza la festa migliore di tutti i secoli, l'umano Johnny irrompe accidentalmente nel castello, si camuffa da bizzarro discendente dei Frankenstein e conquista il cuore dell'adolescente...

Diversi, freaks, mostri segregati ai margini della società, costretti a vivere nell'ombra, obbligati a guardare il mondo di nascosto. La piccola Mavis è cresciuta sotto una campana di vetro e relegata in una prigione dorata mentre la sua fervida immaginazione corre voracemente verso l'ignoto, avida di conoscere il mondo umano. Giochi di luci e di ombre che deformano l'aspetto reale - o presunto - di ogni personaggio, una musica funerea e spettrale che lascia lentamente il posto alla disco music, una generazione vecchia e antiquata che viene spodestata da una più prolifica e dinamica prole di mostriciattoli. Hotel Transylvania è una pellicola binaria, intimamente classica ma profondamente moderna, che unisce il prototipo del disegno bidimensionale - cui il regista dedica anima e corpo - ad un'avanzata CGI.

La Regina perde la vita e così, il conte, giura solennemente di proteggere la figlia da tutti i pericoli del mondo

Tartakovsky fonde scenografie e personaggi, esaspera le caratteristiche fisiche dei protagonisti in modo ironico e cartoonesco, marca profondamente le loro ombre deformate e, infine, gioca sulle radici storiche e letterarie di ogni creatura esaltandone i contorni con un vivace 3D. Il conte Dracula ricorda il primo Nosferatu, cita Bela Lugosi e fa il verso a Christopher Lee divenendo, piuttosto, un padre affettuoso e iperprotettivo che invece di incantare gli altri con lo sguardo magnetico, cede agli occhi dolci della sua bambina. Mavis, dal canto suo, lontana anni luce dai vampiri vegetariani di stampo twilightiano - di cui spesso, però, parodizzano usi e costumi - è una giovane Emily "the strange", dark e macabra, che non teme di confrontarsi con un mondo sconosciuto, nè di ritrovarsi davanti alla visione riflessa, opposta e complementare, di un universo differente dal proprio. I ricordi opachi e sbiaditi delle vecchie dinastie possono far posto ad un presente incerto e instabile che riserva, però, la possibilità di imparare ad amare il diverso.

di Martina Calcabrini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo