Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Il sole dentro Recensione


Il sole dentro Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Sullo sfondo della storia vera di Yaguine e Fodè, due adolescenti guineiani che nel 1999 viaggiarono fino al Belgio nel carrello di un aereo per portare all’Unione Europea una lettera da parte di tutta l’infanzia africana, si snoda la vicenda di Thabo (Fallou Kama) e Rocco (Gaetano Fresa), fuggiti dall’Europa dello sfruttamento calcistico e in viaggio attraverso l’Africa per raggiungere una prospettiva migliore. Paolo Bianchini, ambasciatore Unicef per l’infanzia e regista allievo di alcuni tra i più grandi del cinema italiano (De Sica, De Filippo, Monicelli, Leone, Comencini), torna al cinema dopo una lunga assenza, con un film avvincente e profondo, che fa riflettere e sorridere.

La vicenda di partenza, la vera storia di Yaguine e Fodè, è una tragica storia di povertà e speranza.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

I due ragazzi guineani che nel 1999 hanno scritto, a nome di tutta l’infanzia africana, una lettera che dava come incipit “Alle loro Eccellenze i membri e responsabili dell’Europa“, viaggiarono con questa lettera in tasca - con la quale chiedevano ai più alti tavoli del mondo, scuole, cure, aiuti per un’Africa in ginocchio - fino a Bruxelles, nascosti nel carrello di un aereo. All’arrivo in Belgio fu un tecnico dell’aeroporto a trovarli morti assiderati. A questa commovente vicenda si intreccia dieci anni dopo, quella di finzione, di Thabo e Rocco, due tredicenni, uno africano dello Zambia e l’altro italiano di Bari, entrambi vittime della poco nota “tratta dei bambini calciatori”, un ingente mercato, al limite della legalità, in cui adolescenti e ragazzi vengono strappati alle loro famiglie, inseriti nel gigantesco mercato del reclutamento calcistico e infine abbandonati se non all’altezza.

Anche Thabo e Rocco compiranno un viaggio epico, a piedi e in direzione opposta a quella dei due guineani, dall’Europa verso N’Dola, in Zambia, dove Thabo conta di tornare a casa. Sempre calciando il loro pallone, i due ragazzi attraverseranno i sentieri devastati dell’Africa, fra profughi, uomini e donne in fuga, territori sconvolti dalla guerra e dalla povertà e personaggi fiabeschi, come l’autista – un sempre esilarante Giobbe Covatta - o Chiara, una fata turchina che ha il volto di Angela Finocchiaro. La storia di Thabo e Rocco è in effetti poco più di una favola, con un tenero lieto fine che ripaga del tragico epilogo che invece ebbe il viaggio reale di Yaguine e Fodè. Bianchini dirige un film talvolta ingenuo, più rivolto ad un pubblico giovane e sognatore che a quello disincantato degli adulti. Scegliendo come protagonisti due giovani eroi, i due emergenti Fallou Kama e Gaetano Fresa, fiondati in una terra sterminata, per grandezza, distanze e problemi, che pure i due tredicenni sembrano comprendere molto più degli adulti che incontreranno sul loro cammino.

All’arrivo in Belgio fu un tecnico dell’aeroporto a trovarli morti assiderati

A Paolo Bianchini inoltre va riconosciuto il merito di avere portato al cinema la quasi ignota vicenda del traffico illegale dei bambini calciatori, un male che in realtà affligge già da anni il patinato mondo del calcio nelle zone più povere del mondo, incluso - e Rocco ne è un esempio – anche certe zone del sud d’Italia.

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
25 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo