Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Impietoso ritratto ad episodi di un irresistibile gruppo di otto uomini in crisi: in analisi, abbandonati dalle mogli, tormentati dalle madri e legati da un’amicizia virile che rivela in tutte le sue falle i rapporti maschili, ad iniziare dall’incapacità di comunicare emozioni e sentimenti fino alla difficoltà ad affrontare di petto le situazioni problematiche.

Tutto su mia madre in versione maschile. Cesc Gay, a dodici anni di distanza dall’acclamato esordio Krámpack, ritorna con un film che recupera l’umorismo della prima opera ma sostituisce l’ingenua leggerezza della giovinezza con situazioni problematiche e dissidi interiori, dominati dalla psicoanalisi e delle nevrosi maschili.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Soggetto di quest’opera sprezzante sono otto uomini “sull’orlo di una crisi di nervi”, che vivono con una pistola per mano, protagonisti in coppia degli episodi che compongono il film, situazioni tragicomiche che conducono alla paralisi sentimentale e alla disperazione più nera. Cesc Gay inscena una commedia almodovariana demolitrice della virilità e della tradizionale visione dell’eroe romantico o macho che sia, incrinando la leggenda che la razionalità sia maschile e l’isteria donna. E lo fa con una struttura episodica, brillante e ben diretta, con ogni capitolo che inizia in medias res, da situazioni casuali – l’incontro fra due amici, il tentativo di conquistare una giovane collega o di riconquistare l'ex moglie, l’appuntamento con l’amante di lei - e che terminano in una reunion dei protagonisti, secondo uno schema lineare e godibile, dominato da un’atmosfera pessimista che impedisce al film di cadere nel banale.

Un film impietoso, che ribalta le parti nell’antica suddivisione fra sesso forte e debole. I protagonisti del film vengono identificati solo con delle iniziali, come si trattasse di un manuale di psicoanalisi in cui i soggetti presentati sono solo esempi di una variopinta casistica di paure e insicurezze messe alla berlina senza mezzi termini. Al contrario, alle donne sono invece attribuiti nomi completi, e pochissimo risalto, presentate come controparte in relazioni problematiche, sicure e sempre a proprio agio. E nella visione oppositiva tra uomo e donna risiede forse l’unico difetto del film. Tuttavia a far sì che la pellicola non sprofondi nello stereotipo della negazione della mascolinità c’è – oltre all’appartenenza dello stesso regista al genere preso di mira – la cura maniacale per i dialoghi e l’acutezza delle situazioni, poggiate con fiducia sulle spalle di un ottimo cast: volti noti della cinematografia spagnola come Ricardo Darin o Eduardo Noriega, insieme ad attori meno conosciuti, ma comunque validi.

Cesc Gay inscena una commedia almodovariana demolitrice della virilità e della tradizionale visione dell’eroe romantico o macho che sia, incrinando la leggenda che la razionalità sia maschile e l’isteria donna

Gay dirige gli episodi imprimendovi – in collaborazione con Tomàs Aragay, attore, coreografo e sceneggiatore teatrale – una forte impostazione scenica e concependoli come i cinque canonici “atti” (più un epilogo) di un’opera unica. Non una tragicommedia né una farsa, solo il racconto umoristico e amaro del tramonto del mito dell’infallibilità maschile.

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo