Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Amiche da morire Recensione


Amiche da morire Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

In un piccolo paese della Sicilia, le vite di tre donne agli antipodi si intrecciano. Crocetta (Sabrina Impacciatore), pressata da una madre che la vuole ancora bambina, è la classica zitella che, a detta del paese, ha il difetto di portare sfortuna a tutti gli uomini che le si avvicinano.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Gilda (Claudia Gerini) è uno spirito ribelle che si scontra con la mentalità chiusa del paese, anche per il suo mestiere: la donna, infatti, si guadagna da vivere facendo la prostituta. Infine Olivia (Cristiana Capotondi) è la sposa novella di Rocco (Tommaso Ramenghi), marito perfetto che però sembra nascondere qualcosa. Immaginando una storia di tradimento, Olivia scopre – per un caso fortuito insieme a Crocetta e Gilda – che il marito è un rapinatore di banche che ha usato il matrimonio solo come copertura. Ferita e umiliata da questa scoperta, Olivia uccide il marito e accetta di nascondere la malefatta per poter così spartire insieme alle due nuove amiche un bottino di circa un milione di euro. Il piano delle donne, tuttavia, si scontra con le indagini del Tenente Malachìa (Vinicio Marchioni), determinato a svelare il carattere nauseabondo delle donne che, in attacchi palesi di maschilismo, definisce semplicemente puttane.

Giorgia Farina approda al suo lungometraggio d’esordio, dopo aver girato il mondo grazie a borse di studio e cortometraggi di successo, con una storia di cui è anche sceneggiatrice insieme a Fabio Bonifacci. Attraverso una miscela – non sempre riuscita – di commedia e noir, la regista tenta di descrivere il ritratto di una tipologia ben precisa di donna. Pur scegliendo tre protagoniste che per caratteri e vizi non potrebbero essere più diverse, è chiaro come Farina voglia prima di tutto parlare delle donne e della loro evasione dalle gabbie di un piccolo paese siciliano colmo di pregiudizi.

Immaginando una storia di tradimento, Olivia scopre – per un caso fortuito insieme a Crocetta e Gilda – che il marito è un rapinatore di banche che ha usato il matrimonio solo come copertura

Se Crocetta accetta di riscoprire il proprio corpo, Olivia non vuole più essere una moglie obbediente reinventandosi goffo killer dilettante. Tra di loro emerge la figura di Gilda, vero leader e mente del trio; un ruolo che, sebbene simile alle precedenti interpretazioni della Gerini, non si può non constatare quanto le calzi a pennello.

Amiche da morire punta quasi tutte le sue carte vincenti su un’idea di femminilità che, pur con i suoi stereotipi e cliché, risulta divertente per lo spettatore: donne apparentemente fragili e vanesie che deridono il sesso forte per il proprio incedere solo per stimoli primordiali, quali il sesso e il desiderio di supremazia. Una mascolinità zoppicante e inefficiente, inerpretata alla perfezione da Vinicio Marchioni attraverso un personaggio vile e codardo, manipolatore e sfruttatore, giustificato solo in parte dalla delusione subita dalla moglie. La regia di Giorgia Farina, lineare e precisa, rinuncia a futili manierismi, concentrandosi soprattutto sulle interazioni fisiche degli interpreti mentre si muovono sullo sfondo di un impianto scenico congeniale, che vede nella location pugliese la scenografia naturale della messa in scena.

Pur evitando buonismi e cadute di stile, Amiche da morire incespica in personaggi fin troppo grotteschi e surreali, dimenticandosi inoltre di approfondire alcune peculiarità caratteriali rimaste appena accennate.

di Erika Pomella
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo