Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

La quasi esordiente Sophie Chiarello - all'attivo il documentario Ritals, domani me ne vado, e diverse collaborazioni da aiuto regista con Massimo Venier, Kim Rossi Stuart e Edoardo Winspeare - dirige una commedia dedicata all’universo femminile e alla crisi di mezza età. A farla da padrone sono la leggerezza e l’ironia di Angela Finocchiaro, Raul Cremona e Giovanni Storti, tre artisti deliziosamente sopra le righe che coi loro personaggi sapranno incuriosire il pubblico e farlo divertire.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5



Eva (Angela Finocchiaro) è una donna sulla soglia dei cinquant’anni. La sua vita stressante si divide tra l’ex marito Gino (Stefano Belisari, il leader di Elio e le storie tese), l’anziana madre Lidia (Rosalina Neri), che di arrendersi al tempo che passa non ha nessuna intenzione, e la figlia adolescente Francesca (Antonella Lo Coco), ribelle e con la grande passione per la musica. Le uniche soddisfazioni della sua vita sembrano provenire dal lavoro, ma all’improvviso qualcosa di inaspettato accade: il caporeparto Pagliai (Raul Cremona) sembra essere intenzionato a licenziare una dopo l’altra tutte le dipendenti in là con gli anni. L’incubo di essere ormai considerata inutile comincia, cosi, ad insinuarsi nella mente di Eva che gradualmente perde il controllo della situazione. In suo aiuto dal cielo viene mandato l’angelo della menopausa (Giovanni Storti), incaricato di infondere in Angela un po’ di autostima con l’aiuto di preziosi consigli e di un telecomando dai poteri speciali. Ce la farà la protagonista a ritrovare la forza necessaria per spegnere con un sorriso la fatidica cinquantesima candelina?

Nonostante le risate non manchino il film della Chiarello risulta essere riuscito solo per metà. Colpa della regia di stampo televisivo non priva di ingenuità e della troppa carne al fuoco che appesantisce il ritmo generale del film.

Le uniche soddisfazioni della sua vita sembrano provenire dal lavoro, ma all’improvviso qualcosa di inaspettato accade: il caporeparto Pagliai (Raul Cremona) sembra essere intenzionato a licenziare una dopo l’altra tutte le dipendenti in là con gli anni

Alcuni personaggi troppo stereotipati e poco interessanti come quelli della madre della protagonista e del suo ex marito potevano essere tagliati di netto in favore di un maggior sviluppo del rapporto tra Eva e la figlia Francesca che qui appare solo abbozzato e privo di credibilità. Se le dinamiche familiari non danno alcuno spunto interessante alla storia, va molto meglio quando dalle mura domestiche ci si sposta sul posto di lavoro. Qui, le ansie e le insicurezze della protagonista vengono fuori in modo convincente attraverso la continua competizione con la sensuale collega e amica Cinzia (Laura Marinoni) e la minaccia costante del potere maschile del caporeparto che si fa beffa della sua età e le preannuncia il licenziamento. Efficaci le incursioni nel surreale, anche se a volte si calca troppo la mano, in cui il tentativo di ispirarsi a quel modo strampalato di far commedia tipico del cinema americano lascia spazio anche ad una citazione inaspettata del Joker di Nicholson.

Vera forza e motore della pellicola è la mimica facciale della Finocchiaro che riesce a divertire mantenendo nel suo personaggio un forte senso di dignità ed evitando la macchietta della cinquantenne in crisi. Simpatiche le apparizioni, anche se brevi, di volti noti della comicità come Aldo Baglio, Giacomo Poretti e Paolo Hendel, ed interessante il ruolo spirituale affidato a Giovanni Storti. Anche se in alcuni momenti sembra di assistere alla celebrazione del nuovo talento canterino di Antonella Lo Coco - artista proveniente da X Factor 2012 - la commedia di Sophie Chiarello non fa rimpiangere il prezzo del biglietto.

di Gabriele Di Grazia
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo