Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Hitchcock Recensione


Hitchcock Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Degenerazioni mentali, follie omicide, delitti seriali. Nessuno come Alfred Hitchcock è stato in grado di entrare nella mente di un serial killer.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Solo lui ha portato sul grande schermo verità scomode e realtà allucinate riscuotendo un grande successo di pubblico e, contemporaneamente, contribuendo a creare un genere nuovo: il mistery. Hitchcock, ultimo lavoro di Sacha Gervasi - regista del documentario Anvil: The story of Anvill, svela la persona dietro il personaggio e racconta l’uomo prima del mito, svelandone segreti e debolezze. Ispirandosi all’omonimo romanzo di Stephen Rebello, la pellicola punta l’attenzione sul controverso rapporto di amore morboso e odio incondizionato che il regista londinese nutriva per le sue protagoniste.

Luglio, 1959. Alfred Hitchcock (Anthony Hopkins), dopo il successo di Intrigo Internazionale, decide di dedicarsi alla trasposizione cinematografica del romanzo Psycho. Davanti alla difficoltà di trovare un produttore disposto a finanziarne la realizzazione, Hitchcock e sua moglie Alma Reville (Helen Mirren) decidono di ipotecare la loro lussuosa casa. Nonostante i problemi economici e sentimentali, i due riusciranno a realizzare una pietra miliare della storia del cinema.

Inquadrature a strapiombo, carrellate laterali e vertiginosi primi piani, erano i tratti distintivi dei cosiddetti gialli à la Hitchcock, che valsero al loro autore l’appellativo di “maestro del brivido”. Essendo incentrato su un regista funambolico perennemente sul filo del rasoio, e su un uomo bizzarro ossessionato dal lavoro al punto da farne la sua unica ragione di vita, Gervasi ne ripropone il pensiero e l’arte.

Ispirandosi all’omonimo romanzo di [Stephen Rebello], la pellicola punta l’attenzione sul controverso rapporto di amore morboso e odio incondizionato che il regista londinese nutriva per le sue protagoniste

Ecco dunque che la pellicola si rivela, subito, un’opera devozionistica nei confronti del genio creativo: quello dell'artista che, nonostante le apparenze, riesce ad esprimersi solo quando viene supportato e guidato dalla compagna di vita Alma, sceneggiatrice fidata e anima gemella. Parallelamente al deteriorarsi del loro rapporto, la carriera del regista sembra aver raggiunto un punto di stasi, destinato a finire solo quando l’uomo e la donna si (ri)conoscono come le due facce della stessa medaglia. Le altalenanti musiche di Danny Elfman riflettono le ossessioni psichedeliche del protagonista, confondendone realtà e finzione, sogno e incubo, cinema e vita. Picchi di tensione sotto forma di insostenibili climax crescenti si rivelano i veri assi nella manica di un abile direttore d’orchestra che immette gli spettatori, volenti o nolenti, all’interno della finzione scenica e li rende, nello stesso tetmpo, vittime e carnefici della storia.

La pellicola, opera estremamente voyeuristica basata sulle magistrali performance di Antony Hopkins e Helen Mirren, si rivela una costante mise en abyme, una vera e propria finestra su un mondo mentale concentrico ed estremamente stratificato, come è sempre l'universo cinematografico.

di Martina Calcabrini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo