Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Doppio gioco Recensione


Doppio gioco Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Una ragazza si muove lungo l'underground londinese. Sentendosi osservata, si sposta, con fare nervoso, da una fermata all'altra senza un'apparente logica, fino a quando, lanciando un ultimo sguardo dietro di sé, lascia in terra la propria borsa e allunga il passo muovendosi lungo i cunicoli interni della metropolitana.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Uscita da una porta di servizio, si allontana visibilmente sgomenta; alle sue spalle, però, compare un gruppo di uomini, che la carica dentro un'auto. La donna è una terrorista dell'IRA, e gli uomini che l'hanno presa in consegna agenti MI5.

È una delle prime scene, forse la migliore, di Shadow Dancer, thriller di produzione britannica con James Marsh – famoso soprattutto per i propri documentari Project Nim, Man on Wire - alla regia. Quelle che seguono lungo i rimanenti novanta minuti di film imbastiscono folte trame di coperture, doppi giochi, voltafaccia, che metteranno in subbuglio le due organizzazioni e i loro personaggi di riferimento: da un lato Clive Owen, l'agente buono ma outsider all'interno della propria stessa organizzazione, dall'altro Andrea Riseborough, la madre di famiglia simpatizzante dell'IRA che mette a rischio la propria vita ma anche quella dei propri affetti.

Shadow Dancer è una partita a scacchi, gestita peraltro con sapienza non comune: per la capacità di far respirare una scena, per la pazienza nel coltivare gli intrighi, per la raffinata gestione dei crescendo e per la puntualità non banale nel proporre dei colpi di scena che dimostrano di essere degni di quel nome. Peccato che il film di Marsh si limiti a concentrare tutta la propria attenzione sulle dinamiche di cui sopra, riducendo il lavoro sul contesto a semplici dicotomie (individuo buono/organizzazione cattiva) e macellando personaggi secondari sotto il vessillo della funzionalità accessoria e del pretesto narrativo. Ciò che ne risulta è un thriller diretto e soprattutto scritto (da Tom Bradby, già autore del romanzo omonimo) con competenza superiore alla media, ma privo di ambizioni, di una visione, di uno sguardo. Soprattutto, colpevole di eccessivo affidamento a formule seducenti ma consunte che poggiano sulle spalle, nemmeno poi così larghe, dei due interpreti principali.

È una delle prime scene, forse la migliore, di , thriller di produzione britannica con [James Marsh] – famoso soprattutto per i propri documentari , - alla regia

di Giacomo Ferigioni
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo