Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Pacific Rim Recensione


Pacific Rim Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Dopo aver perso l’occasione di dirigere Lo Hobbit, pellicola di cui ha comunque curato la sceneggiatura, Guillermo Del Toro arriva al cinema con Pacific Rim, film che si presenta ad un primo sguardo come l’ennesimo esempio di cinema mainstream fatto di azione al cardiopalma e roboanti effetti visivi volti a catturare l’attenzione dello spettatore. Nonostante questi elementi, facilmente riscontrabili nella diegesi, Pacific Rim si situa in una posizione di privilegio rispetto ai precedenti prodotti sci-fi affacciatisi sul mercato.

I Kaiju, mostri alieni che emergono dalle profondità dell’Oceano Pacifico, mastodontici e all’apparenza imbattibili, sembrano non avere altro scopo che distruggere la Terra e portare l’umanità all'estinzione.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Per arginare una distruzione di massa, l’umanità risponde con l’invenzione dei Jaegar, robot dalle dimensioni colossali, guidati da due piloti tramite delle connessioni neuronali. Anni dopo, quando la sconfitta sembra inevitabile e il progetto Jaegar antiquato e obsoleto, il pilota Raleigh Becket (Charlie Hunnam) viene richiamato, per un ultimo, disperato tentativo di rivalsa. A fiancheggiarlo in quest’ultima missione c’è Mako Mori (Rinko Kikuchi), una scienziata assetata di vendetta.

Per secoli l’umanità ha rivolto la sua attenzione espansionistica alla volta celeste, alla ricerca di altri mondi e di altre entità che potessero in qualche modo lenire il sentimento di solitudine. Lungo gli anni della tradizione cinematografica di genere fantascientifico, il pericolo veniva sempre dall’alto: alieni e dimensioni altre arrivavano dalle profondità dell’universo. Pacific Rim distorce questa visione tradizionale, facendo sì che i bad guys giungano non più dalle sfere celesti, ma dagli antri bui dell’Oceano Pacifico, quelle profondità che spesso rimangono avvolte nel mistero, anche agli occhi della scienza più evoluta. E, sebbene non si possa dire che la sceneggiatura di Travis Beachman e dello stesso Del Toro brilli in originalità, è indubbio che già in questo rovesciamento di punti di vista, la pellicola si impegna a diversificarsi dalla mole di prodotti ad alto budget di stampo sci-fi; se da un lato è indubbio che rientri nel caleidoscopio di disaster-movie à la Michael Bay, dall’altro è impossibile non avvertire un serpeggiante senso di autorialità che emerge dalla presenza, quasi ingombrante, del proprio regista. Appassionato di manga e animazione giapponese, con un animo nerd che ben si sposa alla vena fantasy/horror che ha caratterizzato la maggior parte della sua produzione, Guillermo Del Toro ha creato un ricettacolo di omaggi e citazioni, un universo dove gli Angeli di Evangelion incontrano i toni cupi di Lovecraft, passando per tutta un’immensa galleria di mostruosità iconografiche partorite dalla cultura nipponica.

Appassionato di manga e animazione giapponese, con un animo nerd che ben si sposa alla vena fantasy/horror che ha caratterizzato la maggior parte della sua produzione, Guillermo Del Toro ha creato un ricettacolo di omaggi e citazioni, un universo dove gli Angeli di Evangelion incontrano i toni cupi di Lovecraft.

Il regista de Il labirinto del fauno ha voluto creare un racconto fantascientifico che poggia le propria fondamenta sull’umanità e le personalità di eroi volenterosi, adagiandoli sulle note di una colonna sonora che esalta l’empatia spettatoriale. Quello che più impressiona è l’interconnessione tra i personaggi, le loro motivazioni e i loro impulsi, così forti che persino i Jaegar finiscono col diventare ombre di quella stessa umanità. Tutto ciò è reso possibile dal reparto degli effetti visivi: un'equipe che ha realizzato un film dalla tecnica impeccabile, a cui si aggiunge uno degli migliori utilizzi del 3D mai visti in ambito cinematografico.

di Erika Pomella
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo