Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Philomena Recensione


Philomena Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il libro-inchiesta di Martin Sixsmith, The Lost Child of Philomena Lee, incentrato sulla vera storia di una donna irlandese alla ricerca del proprio figlio, è diventato un manifesto letterario per tantissimi bambini irlandesi adottati e per le loro madri. Ma vista l’infelice sorte che tocca spesso a trasposizioni cinematografiche di successi editoriali, vista anche la storia raccontata, forse le attese comuni per Philomena - presentato a Venezia - erano quelle di assistere alla visione di un pesante feuilleton tutto buoni sentimenti, alto contenuto moralistico e qualche lacrima finale.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

E invece, nonostante questi elementi li conservi tutti, grazie a una stupenda performance dei protagonisti e a un superbo lavoro di regia, il film si guadagna sul finale un lungo, lunghissimo applauso.

1952. Philomena è una ragazza che vive nel convento di Roscrea, cresciuta con una rigida educazione cattolica. Macchiatasi di un grave peccato, quello di aver ceduto alle lusinghe di un suo coetaneo, e rimasta incinta, viene condannata a lavorare da reclusa all’interno del convento. Nonostante questo, riesce a crescere il suo bambino fino a tre anni, dopodiché il piccolo viene venduto dalle suore a una coppia di ricchi americani. Da allora Philomena trascorre i suoi successivi 50 anni a pensare al suo bambino e al modo per rintracciarlo. Finché Martin Sixsmith, un giornalista in declino, vede nella storia della donna un possibile modo per ritrovare le luci della ribalta e decide di accompagnarla in un folle viaggio in America per aiutarla in questa impresa.

Stephen Frears è abile nel mescolare melò, denuncia sociale e feuilleton nelle giuste dosi. Così come i temi: gli aspetti più cupi del cattolicesimo, il rapporto madre-figlio, il ritorno e la ricerca delle proprie radici, la senilità sono tutti aspetti che riescono a fondersi insieme facilitando la fruizione di un lavoro che, obiettivamente, risulta zeppo di elementi diversi.

Philomena è una ragazza che vive nel convento di Roscrea, cresciuta con una rigida educazione cattolica

Stessa dinamica per le scelte temporali, che sono speculari: un passato fatto di aspetti bui da denunciare, così come da denunciare sono gli aspetti legati alla contemporaneità del protagonista maschile (importante giornalista politico che è stato appena licenziato), legati al mondo degli spin doctors della politica, come se nel viaggio assieme a Philomena anche Martin andasse alla ricerca di qualcosa di personale da denunciare. Un analogo bilanciamento lo troviamo nei dialoghi, in cui il regista, pesando l’ironico che non è mai grottesco e nemmeno eccessivo, approda al giusto equivalente per inserire pathos e dramma. Il tutto sembra il frutto di precisi calcoli di ingegneria registica, che sarebbero niente se non venissero affidati alle performance della bellissima e intensa Judi Dench e l'espressivo Steve Coogan. Degno di nota - se così è - un piccolo riferimento infratestuale: nella storia la protagonista è una grande appassionata di romanzetti rosa con lunghe trame e intrecci da soap sudamericane.

Che il regista abbia voluto riferirsi velatamente al libro di partenza, non per denigrarlo ma per far risaltare il risultato filmico finale?

di Valentina Pettinato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo