Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Parkland Recensione


Parkland Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Sono ben cinquanta gli anni trascorsi dall’assassinio del Presidente Kennedy e dedicare a questo evento un lungometraggio e presentarlo al Festival di Venezia 2013 sembra essere una scelta tutto sommato comprensibile. Parkland segna l’esordio dietro la macchina da presa del regista Peter Landesman che si serve della sceneggiatura tratta dal libro di Vincenzo Bugliosi Reclaiming History: The Assassination of President John F.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Kennedy e riepiloga gli avvenimenti che hanno caratterizzato le frenetiche ore susseguenti lo sparo, passando per la corsa in ospedale e il decesso del Presidente, per poi allargarsi a macchia d’olio verso gli altri personaggi coinvolti nella vicenda.

Parkland è il nome dell’ospedale di Dallas location principale del film, all’interno del quale tutto ha origine. Interessante sembra essere infatti la scelta del regista, quella di definire un nucleo duro (la morte di Kennedy in clinica, appunto) per poi sviluppare attorno a questo una serie di cerchi concentrici, che contengono altre storie, marginali, ma in qualche modo collegate all’evento tristemente passato alla storia. Zelanti agenti dei servizi segreti e forze dell’ordine, il personale dell’ospedale, il medico che ha tentato invano di rianimarlo, diventano protagonisti di sottopiste narrative. Tra queste mini-storie forse il personaggio più lontano alla vicenda - ma sorprendentemente il più emotivamente segnato – è Abraham Zapruder (Paul Giamatti), che attraverso la sua cinepresa 8mm riprende per un caso fortuito l’assassinio.

La scelta stilistica all’inizio del film è stata quella di realizzare una commistione tra immagini di repertorio e girato, effetti scenici per condurre lo spettatore a vivere quel caos e quel fragore che si sono scatenati al momento dell’attentato. Con successo: guardando le scene si è letteralmente rapiti dalle vicende e appare chiaro l’intento della regia di spiazzare con un film corale, il cui tema principale è rappresentare un’umanità segnata dalla storia, ma ugualmente ignorata o dimenticata da tabloid e media in generale. Landesman non tenta nemmeno, e forse sa il fatto suo, di avvicinarsi a film storici che hanno trattato l’argomento. Sceglie così di bypassare ogni forma di accostamento o semplice paragone utilizzando in maniera strumentale il tempo (viene usato il presente, come se gli eventi fossero ripresi in presa diretta) ed esplorando la vita di questi personaggi in cerca di autore.

Interessante sembra essere infatti la scelta del regista, quella di definire un nucleo duro (la morte di Kennedy in clinica, appunto) per poi sviluppare attorno a questo una serie di cerchi concentrici, che contengono altre storie, marginali, ma in qualche modo collegate all’evento tristemente passato alla storia

Tra i più interessanti, Lee Harvey Oswald (Jeremy Strong): raccontato sia in qualità di carnefice sia in qualità di vittima (l'omicida che venne poi brutalmente ucciso da uno sparo ripreso in diretta tv) sia nella sua quotidianità, portando in scena anche la sua famiglia (il fratello Robert - James Badge Dale) e la madre (Jacki Weaver). Il film però non convince per via di una messa in scena così simile a una serie per la tv, per quegli eccessi nazionalistici, per quei discorsi così fortemente incentrati su valori americani così poco estendibili e al di fuori del nuovo continente. La cannibalizzazione della storia, lacerata e fatta a brandelli nel tentativo di renderla più originale in realtà aiuta sì a coinvolgere lo spettatore, ma apparendo infine abbastanza inconsistente, forse per quella frenesia che sembra avere il regista nel portare in scena queste storie e poi lasciarle in balia di se stesse.

di Valentina Pettinato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo