Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Miss Violence Recensione


Miss Violence Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Dal nero dello schermo emerge il volto di una bambina che fissa dritto in macchina, con un sorriso appena accennato, mentre alle sue spalle una famiglia rumorosa festeggia il suo undicesimo compleanno. Un attimo dopo, la bambina, che non ha mai distolto lo sguardo, scavalca la ringhiera del balcone di casa e si getta nel vuoto, togliendosi la vita.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

La macchina da presa rimane fissa su quel corpo inerme, in un silenzio di ghiaccio che accompagna la lenta perdita di sangue. È solo l’inizio dell’orrore che Miss Violence, Leone d’Argento alla 70° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, porta in scena.

Al centro del racconto c’è una famiglia apparentemente normale, sconvolta dal suicidio dell'infante che appare incomprensibile e priva di motivazioni. Tuttavia, man mano che il film avanza, tra silenzi e inquietanti fuori campo, ad emergere è la figura di un padre padrone (Themis Panou, vincitore della Coppa Volpi), un orco nascosto da una facciata di moralità e umiltà, che abusa di figlie e nipoti, spingendoli anche alla prostituzione e usandoli come valuta in traffici tutt’altro che legali.

Sporco, crudo e inquietante, Miss Violence di Alexandros Avranas è un film difficile da digerire, ricolmo di situazioni al limite della sopportazione umana. Un pugno nello stomaco, uno spettacolo velenoso e rivoltante che sfida la tolleranza spettatoriale e la sua moralità. Panou presta il volto a un personaggio ricolmo di zolfo, che suscita tanto più disgusto quanto più è forte il suo legame con l'attualità. Mentre il numero delle violenze domestiche – in particolar modo nei confronti delle donne - è in continuo aumento, Avranas mette in scena una storia di abusi, pressioni psicologiche e privazioni fisiche, attraverso una riscrittura del concetto di mostro: non più essere extra-ordinario, bensì reale e tangibile, che può nascondersi dietro la faccia pulita del vicino di casa, tanto più orribile non solo per questa sua vicinanza, ma soprattutto per la capacità di celarsi tanto accuratamente, di potersi trovare in ogni luogo e in ogni angolo. La prima parte del film è un susseguirsi di situazioni quotidiane e dialoghi appena accennati, dietro i cui timori reverenziali, si nascondono le iniziali note stridenti, finché l'orrore non affiora in superficie, con scene disturbanti e ricolme di immoralità.

Al centro del racconto c’è una famiglia apparentemente normale, sconvolta dal suicidio dell'infante che appare incomprensibile e priva di motivazioni

Tra incesti, stupri, pedofilia e prostituzione, Avranas non allenta mai il piede dall’acceleratore, tenendosi ben distante da qualsivoglia freno, sia esso ideologico o stilistico. Il suo Miss Violence raggiunge apici di violenza impossibili da dimenticare o anche solo da ignorare, in cui “il migliore dei mondi possibili” diventa un letamaio a cielo aperto, una casa-prigione di cui Avranas restituisce il senso di claustrofobia e l’oppressiva sensazione di prigionia perenne.

di Erika Pomella
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo