Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Nel momento in cui Toy Story - Il mondo dei giocattoli (1995) è approdato sugli schemi cinematografici di tutto il mondo, è stato subito chiaro come il mondo dell'animazione si sarebbe reso protagonista di un'immediata rivoluzione. Da allora sempre più spesso vengono prodotti film curatissimi, non più destinati solo al pubblico dei più piccoli ma anche agli adulti che li accompagnano in sala o agli eterni Peter Pan che proprio non ne vogliono sapere di crescere.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Oggi la computer grafica è un fenomeno consolidato per l'industria cinematografica: ne ha ampliato le potenzialità rendendo possibile ciò che fino a pochi anni fa non sembrava tale. Anche per questo motivo un film come The Secret of Kells colpisce e affascina fin da subito, ponendosi in contrapposizione con le consuetudini dell’animazione odierna.

Ambientato in un monastero durante il IX secolo, la storia ruota intorno alla creazione del Libro di Kells, un manoscritto realmente esistente, dichiarato tesoro nazionale irlandese. L’abate Cellach, ossessionato dalla difesa dell’Abbazia di Kells, spera che Brendan, il nipote dodicenne, segua i suoi passi. Quando arriva nel monastero l’anziano miniatore Aidan, il ragazzo capirà che la sua strada è quella di proteggere il misterioso Libro di Kells per donargli nuova vita attraverso le sue illustrazioni. La protezione del manoscritto diventerà prioritaria per il giovane, che dovrà affrontare le proprie paure per salvare lui e il prezioso libro.

Quel che affascina non è tanto il soggetto ma la tecnica d’animazione utilizzata: sembra di assistere a un ritorno alle origini in cui carta e matite colorate riescono a regalare, oggi come in passato, emozioni variegate a un pubblico ormai assuefatto dai virtuosismi - a volte senza cuore - della computer grafica.

Ambientato in un monastero durante il IX secolo, la storia ruota intorno alla creazione del Libro di Kells, un manoscritto realmente esistente, dichiarato tesoro nazionale irlandese

Lavorare con il metodo classico è una scelta che aggiunge valore alla trama in termini di immedesimazione, poiché si prova la sensazione di viaggiare all’interno delle miniature disegnate da Aidan e da Brendan, forse perché anche loro utilizzano quegli stessi strumenti per dare vita al libro. La volontà di rendere i personaggi stilizzati, vicini a quelli ritratti all’interno delle miniature non allontana bensì conquista e rende ancora più forte il legame con l’ambientazione. Nelle tematiche trattate si avverte l’influenza del maestro Hayao Miyazaki: l’innocenza e la forza racchiuse nel mondo dell’infanzia e della natura si rivelano le chiavi per superare ogni ostacolo. Allo stesso tempo è forte l’influenza della cultura irlandese, riconoscibile nell’uso dei colori vivaci e nell'universo mitologico accuratamente messo in scena.

Candidato agli Oscar come Miglior Film d’Animazione nel 2010, The Secret of Kells è un lungometraggio breve - appena 75 minuti - che cattura e stupisce. Sicuramente non un'opera perfetta (l’unico neo resta forse il finale un po’ frettoloso) seppur capace di catturare lo sguardo e di trasportare lo spettatore di qualsiasi età all’interno di un mondo sempre più distante, fatto di mura da difendere e da barbari che attaccano, ma anche di carta e colori che, a quanto pare, hanno ancora molto da raccontare.

di Marta Marchesi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo