Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Anni Felici Recensione


Anni Felici Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Durante l'estate del 1974 l’Italia è travolta dal turbinio di un'epoca di trasgressione a tutti i costi e colori sopra le righe, dove gli individui vogliono ferocemente emergere dalla massa. Tra questi c’è Guido (Kim Rossi Stuart) un artista che cerca in ogni modo di ritagliarsi uno spazio come pittore/sculture d’avanguardia, sempre controcorrente.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Le sue mani affondano nei colori e nella carne delle modelle che utilizza per i suoi tableaux vivants. Gesto, questo, che fa ingelosire sua moglie Serena (Micaela Ramazzotti) che, bistrattata dalla famiglia di lui che non voleva per Guido un matrimonio con una donna di ceto inferiore, sembra non avere altra aspirazione che portare felicità a tutti. Ma la petulanza di Serena è quasi ossessiva e viene usata da Guido come alibi per non riuscire ad essere l’artista che vorrebbe. Tutto questo si riflette negli occhi dei figli della coppia, Dario (Samuel Garofalo), voce narrante della vicenda, e Paolo (Niccolò Calvagna).

Dopo Mio fratello è figlio unico e La nostra vita, Daniele Luchetti torna a posare il proprio sguardo cinematografico su una vicenda familiare. La novità dell’operazione risiede nell’elemento più intimo di Anni Felici: è, infatti, un film autobiografico che cela le connessioni con la realtà, presentandosi allo spettatore come prodotto di fiction. Ma le radici dello script vanno ricercate nell’infanzia del regista, in quegli anni ’70 che egli stesso ha vissuto al fianco di due genitori liberi e indipendenti. L’occhio della cinepresa è attento ai dettagli dell’epoca, che non si palesano più solamente attraverso l’uso di una colonna sonora studiata ad hoc, ma anche grazie ai dettagli: gli abiti a fiori dai colori accessi, i rullini che ormai sono scomparsi dai nostri supermercati, o i programmi televisivi.

Ma la petulanza di Serena è quasi ossessiva e viene usata da Guido come alibi per non riuscire ad essere l’artista che vorrebbe

Perché è indubbio che proprio quegli anni di rivoluzione e reinvenzione (anche sessuale, nel caso del femminismo) sono uno dei protagonisti della storia, una sorta di personaggio aggiunto che dà concretezza alle connessioni tra i volti messi in scena.

Non si può negare che a farla da padrone in Anni felici sia l’arte stessa, intesa in ogni sua sfaccettatura e che, nel film, diventa simbolo di un bisogno di libertà che ben si sposa all’aspirazione ad essere felici. Libertà e felicità sono allora i due estremi di questo racconto nostalgico, a cui danno il volto Kim Rossi Stuart e Micaela Ramazzotti: tanto bisognoso di libertà espressiva lui, quando dipendente dall’idea della felicità lei. E se l'attrice non riesce ancora del tutto ad uscire dalla mimica interpretativa in cui sembra essere scivolata nelle sue ultime pellicole, l'attore romano regala al pubblico l’ennesima prova del suo enorme talento. Tra questi due genitori assenti, dove la passione dei rapporti carnali si alterna a glaciali liti di gelosia, i due figli più piccoli diventano testimoni, ostaggi quasi di un’età adulta ancora in via di definizione.

di Erika Pomella
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


Dragon Ball Super: Broly

€1.667.054
Green Book

€1.084.075
Domani è un altro giorno
€706.326
Ancora auguri per la tua morte
€553.932
10 giorni senza mamma

€551.831
REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo