Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
SchedaAggiorna schedaRecensione FotoCuriositàCitazioniHome video ELIMINA

The Yellow Sea Home video


The Yellow Sea Home video

Recensione Dvd Recensione Blu Ray
Non è disponibile una recensione per questo DVD.
Effettua il login e scrivila tu
Username
Password


Registrati Password dimenticata
  • Numero dischi: 1
  • Video: 16/9
  • Audio: Coreano (DTS-HD 5.1); Italiano (DTS-HD 5.1)
  • Sottotitoli: Italiano
  • Uscita: 04/06/2013

Recensione Blu ray

star star star star star
L’indicazione geografica che apre la pellicola di Hong-jin, delinea il tortuoso abbrivio della vicenda di desolazione e morte di Gu-nam, tassista coperto di debiti e abbandonato dalla moglie, che si districa tra bische clandestine e strozzini nella cittadina di Yanbian, in una regione tra Cina, Corea del Nord e Russia. Una terra che sembra non appartenere a nessuno, preda della mafia e della malavita che controlla le imbarcazioni, e i trasporti via mare per la Corea: se qualcuno ti vuole morto, non c’è modo di fuggire. Questo l’assunto annichilente di The Yellow Sea, film girato in digitale, con camera a mano e primi piani malfermi, montaggio serrato e sequenze che alternano attese insostenibili a fughe furibonde e disperate. La patina di sozzura che ammanta il grumoso impianto scenico è l’unico possibile filtro e contenitore per isolare le esistenze viscide e striscianti dei protagonisti, reietti nella loro condizione umana, sputati in un mondo fetido di pulsioni e istinti – fisiologici, sessuali, di sopravvivenza – nel quale l’unico modo di restare in vita è infettarsi, sporcarsi le mani, dove ad uccidere non sono le pallottole – che tuttalpiù feriscono – ma le lame dei coltelli e delle accette. In questa grumosa concupiscenza animalesca, i rumori di allerta non provengono più dagli spari – in tutta la pellicola non avviene nemmeno un omicidio con arma da fuoco – ma il ben più ferale crepitio delle ossa, assorbito dal respiro umido e rigoglioso della carne.

Presentato a Cannes nella sezione Un Certain Regard nel 2011, The Yellow Sea approda nel mercato home video con il Blu-ray distribuito da CGHV sotto l’etichetta Eye Division. Un’edizione che conferma soddisfacenti livelli estetici, consentendo l’adeguata esperienza fruitiva per un thriller-noir di tale fattura. L’alta definizione audiovisiva è il canale attraverso cui la pellicola di Hong-jin Na trova la sua massima espressione, in particolar modo nel passaggio dalle ambientazioni crepuscolari e torbide delle uggiose metropoli coreane, agli inseguimenti notturni ad alto tasso adrenalinico, nei quali la pienezza dei 5 canali del DTS-HD coprono agevolmente la resa sonora. Purtroppo per gli appassionati del cinema orientale contemporaneo, e per gli amanti del regista sudcoreano, nel disco non trovano spazio contenuti extra-filmici aggiuntivi, complice probabilmente anche la durata stessa del film.

Contenuti speciali
Assenti.

Contenuti speciali





di Giuseppe Salvo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo