Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Dopo il tanto criticato Manuale d’amore 3, Giovanni Veronesi torna al cinema con un'opera che, nelle intenzioni, mira a recuperare le atmosfere e i toni della commedia all’italiana, quella che ha reso grandi Monicelli o Dino Risi. Perché Veronesi racconta la storia di un signor nessuno, un italiano medio la cui vita sembrerebbe a prima vista priva di qualsiasi elemento degno di interesse, utilizzando toni stralunati.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

L’ultima ruota del carro, è la storia di un individuo che non si distingue dalla massa per nessuna dote particolare, che viene toccato solo di striscio dai grandi eventi storici che hanno caratterizzato il nostro paese nell’ultimo mezzo secolo e che passa gran parte della sua vita a collezionare piccoli momenti indimenticabili.

L'ingenuo Ernesto (Elio Germano) ha passato l’infanzia nell’ombra di un padre fin troppo esigente, che gli ha trasmesso il mestiere di tappezzerie. Nello svolgimento di questa attività professionale, mentre lavora su commissione, Ernesto incontra Angela (Alessandra Mastronardi), per la quale perde immediatamente la testa e che, dopo un corteggiamento goffo e disperato, accetta di sposarlo. Lasciato il mestiere di tappezzerie e abbandonato anche il posto di lavoro come cuoco in un asilo, Ernesto decide di mettersi in società con l’amico Giacinto (Ricky Memphis), aprendo un’attività tutta loro.

L’ultima ruota del carro è un film sincero e onesto che, pur ostentando un buonismo di fondo a tratti eccessivo, non mira mai a raggiungere obiettivi che travalicano le possibilità effettive della pellicola. Film senza troppe pretese e senza esagerate velleità artistiche, L’ultima ruota del carro lascia allo spettatore la possibilità di godersi uno spettacolo che fa della normalità il proprio nucleo narrativo privilegiato. Veronesi concentra tutta la sua verve creativa nel tratteggiare un personaggio comune, quasi insipido, per il suo trascinarsi lento e inesorabile verso un’esistenza priva di qualsiasi guizzo fuori dall’ordinario, nel quale tutti possono rispecchiarsi senza che sia richiesto un grande sforzo immaginativo. In questa costruzione il regista è senz’altro aiutato da Germano, che conferma – qualora ce ne fosse ancora bisogno – il suo immenso talento, regalando al grande pubblico l’ennesima prova istrionica calibrata al millimetro. Il protagonista viene tratteggiato con estrema precisione: un uomo che, per tutta la vita, si è sentito definire dal padre “l’ultima ruota del carro”, appesantito da una consapevolezza sotterranea di inutilità, contrastata rimanendo ancorato ad una forma di ingenuità infantile, che lo rende buono, gentile e integro.

Nello svolgimento di questa attività professionale, mentre lavora su commissione, Ernesto incontra Angela ([Alessandra Mastronardi]), per la quale perde immediatamente la testa e che, dopo un corteggiamento goffo e disperato, accetta di sposarlo

E Germano riesce a rimandare questa immagine vintage e naif, senza mai cadere nel pietismo o nell'esibizionismo sopra le righe. Circondato da personaggi tutt’altro che simpatici, l’Ernesto di Germano emerge come una gemma preziosa, catturando su di sé tutta l’attenzione del pubblico, incaricandosi quasi individualmente della buona riuscita della pellicola.

di Erika Pomella
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo