Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Snowpiercer Recensione


Snowpiercer Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Ci sono treni che vale la pena prendere. E vale assolutamente una corsa il treno passato dal Festival del Cinema di Roma e proveniente direttamente dalla Corea.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Il regista Bong Joon-ho realizza film da blockbuster senza per questo perdere di spessore e verve critica, e il suo ultimo lavoro presenta comme d’habitude i pregi di un cinema più commerciale e quelli di un genere introspettivo, per via delle molteplici piste metaforiche che è possibile incrociare durante la visione e dalle quali trae spunto una profonda riflessione sulla natura umana, condita però da interessanti estetiche steampunk. Un interessante lavoro di fantascienza, tratto dalla graphic novel francese Le Transperceneige e rappresenta il debutto in lingua inglese per il regista coreano.

Siamo nel 2031, in piena Era Glaciale. Inutili i tentativi di fermare il riscaldamento globale: per la Terra non c’è scampo, tutte le specie si sono ormai estinte. Unici superstiti i viaggiatori che si trovano su un treno ad alta velocità che resiste alle ostilità ambientali finché in moto. In questo ecosistema si sono riprodotte tutte le categorie presenti nei vecchi governi politici: dall’ultima carrozza fino alla testa del treno troviamo vagoni in cui sono stipate le varie classi sociali, dai lavoratori (passeggeri che presero di nascosto il treno senza possedere biglietto) ghettizzati in coda fino a lui, il Grande Fratello di orwelliana memoria che tutto sorveglia e che ha la paternità di ingranaggi e rotaie. Nel mezzo, le altre classi, che godono di privilegi modulati. Ma Curtis (Chris Evans) non ci sta: il giovane passeggero della classe dei reietti organizza una sommossa che coinvolge tutto il treno contro la vera antagonista (Tilda Swinton, imbruttita ma non per questo meno splendida) a capo dei fedeli al leader del treno.

Tra riferimenti biblici, citazioni filosofiche e apocalittiche, Snowpiercer è una corsa vincente.

Con l’aiuto del saggio Gilliam (John Hurt, il cui nome, viste le atmosfere del film, non sembra affatto un caso), comincia la marcia di rivolta lungo i vagoni per tutti i ceti sociali.

In questa escalation si ripercorre il tema ambientale, i classici cliché socio-politici, l’uomo come causa e salvezza stessa della propria sorte, senza rinunciare a tratti comici, valvole di sfogo necessarie per smorzare la fotografia cupa e tetra e la tensione costante del film (grandiosa la scena di scoperta del sushi). Da grande opera di intrattenimento, Snowpiercer lascia il segno su vari fronti: i meravigliosi e cruenti ralenti che accompagnano i momenti di lotta; gli intrighi e i complotti che aumentano la suspence, le semi-soggettive, gli stacchi con fuori fuoco che confermano un sapiente e coerente lavoro di fotografia sono tutti indizi che fanno capire quanto lavoro si sia preteso dal punto di vista tecnico. Con scene mozzafiato e colossali (toccante la scena della torcia che illumina il percorso verso una possibile salvezza, non solo fisica individuale, ma soprattutto della specie) arriviamo fino a Lord Wilford (Ed Harris) e alla conclusione, raggelante, come i paesaggi dai finestrini. Tra riferimenti biblici, citazioni filosofiche e apocalittiche, Snowpiercer - il film con 38 milioni di dollari di budget - è una corsa vincente.

Non resta che comprare il biglietto.

di Valentina Pettinato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo