Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Something Good Recensione


Something Good Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Matteo Mercury lavora nel traffico internazionale di cibo adulterati. La sua grande capacità nel gestire il mercato dell’illecito gli ha fatto ottenere il posto di amministratore delegato per una grossa industria asiatica, capace di generare ingenti guadagni.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

L’incontro con la cinese Xiwen cambierà però il corso non proprio irreprensibile della sua vita corrotta, portandolo ad assumersi le sue responsabilità di uomo, compagno di vita ed essere umano.

Alla sua terza regia, Luca Barbareschi punta decisamente in alto e si circonda di collaboratori d’alto bordo: il grande direttore della fotografia Arnaldo Catinari, il montatore Walter Fasano, la costumista Milena Canonero. Un team d’eccezione che ben esemplifica l’aspirazione di Something Good, girato in quel di Hong Kong con l’ambizione di un’elevata fattura da thriller internazionale da portare a casa. Un’operazione che Barbareschi mette in campo senza falsa modestia e con la consueta fiducia nei propri mezzi, evitando, almeno in parte, la deriva kitsch di un’autorialità voluta e cercata a tutti i costi, un rischio concreto che fortunatamente il film riesce a bypassare attraverso una serie di accorgimenti neanche troppo invasivi. Primo fra tutti, l’aver saputo dosare senza troppa infamia (ma anche senza particolari lodi) l’aspetto narrativo del film e quello estetico: due canali che non corrono su binari separati ma procedono praticamente affiancati, senza che la curatissima messa in scena abbia la meglio sull’equilibrio del racconto (e viceversa). Una stabilità che renderebbe agevolmente Something Good un buon prodotto di confezione, non un film indimenticabile ma per lo meno un esperimento funzionale dal punto di vista registico e non del tutto abortito.

A compromettere l’integrità del film contribuisce però una povertà di contenuti ben più allarmante, cui la patina dell’impegno civile tenta prontamente di sopperire. I dialoghi trasmettono infatti ben poco, paiono imbalsamati e fin troppo televisivi, battezzati come sono da una sghemba ironia che non si capisce mai bene da che parte voglia andare a parare. In più di un’occasione finisce col prevalere anche una tendenza aforistica che dispensa massime da manualetto con tono grave, serioso e colmo di convinzione.

Un team d’eccezione che ben esemplifica l’aspirazione di , girato in quel di Hong Kong con l’ambizione di un’elevata fattura da thriller internazionale da portare a casa

Ed è così che il più classico dei percorsi di redenzione, in cui il Matteo di Barbareschi, da temerario e spietato, arriverà ad apprendere il valore totalizzante del sacrificio personale, si perde nelle tematiche industriali che vorrebbe veicolare, vanificando perfino il suo apparato formale, rendendolo dubbio o comunque ridimensionandolo considerevolmente verso una condizione di subalternità. Il film è scritto, diretto, prodotto e interpretato da Barbareschi: probabilmente troppo, di sicuro un accumulo creativo che nella maggior parte delle occasioni, a meno che tu non sia un principe del gigantismo cinematografico à la Orson Welles, garantisce in misura assai esigua la possibilità di una doverosa distanza creativa. Something Good si sbrodola così non poco, il minutaggio si fa eccessivo e la caratura tutt’altro che italiana si affloscia ben presto mentre Damien Rice e la sua Cold Water risuonano più volte a incorniciare prevedibilmente le scene d’amore. Se i cartelli finali risultano inquietanti e furbastri, oltre che informativi in merito alla questione degli alimenti adulterati, e la parabola di Barbareschi somiglia non poco a quella di Richard Gere ne L’angolo rosso (un’odissea legale da innocente in un remoto paese asiatico), la vera sorpresa del film è Zhang Jingchu (già vista in importanti pellicole di registi orientali quali Tsui Hark, Dante Lam e Ann Hui), con tutta l’ordinaria ed erotica portata del suo timido e remissivo candore.

di Davide Stanzione
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo