Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

1920. Dopo un lungo viaggio in nave dalla Polonia, Ewa (Marion Cotillard) e sua sorella Magda (Angela Sarafyan) arrivano a New York per cominciare una nuova vita.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Ma a Ellis Island le due sorelle vengono separate: Magda finisce in quarantena dopo aver contratto la tisi ed Ewa – confusa e sola – viene notata da Bruno (Joaquin Phoenix), potente sfruttatore che la avvia alla prostituzione. Quando ormai ogni speranza sembra perduta, Ewa conosce Orlando (Jeremy Renner), affascinante prestigiatore, nel quale la donna ripone l’ultima possibilità di fuggire dal proprio destino infelice.

L’idea è quella di raccontare come una nazione giovane e vorace come gli Stati Uniti di inizio secolo fagocitasse i più deboli e incauti immigrati provenienti dall’Europa colmi di speranza e povertà. Lo spunto è il ritrovamento, da parte del regista James Gray, fra vecchie carte di famiglia, di alcune foto scattate da suo nonno nel 1923, al proprio arrivo a Ellis Island da Ostropol, in Ucraina. Dopo il noir, il thriller e il sentimentale, James Gray – giunto al quinto film da regista dopo una collezione di premi cinematografici fra cui spicca un Leone d’argento d’esordio per Little Odessa – si cimenta con il melò storico di impronta vagamente nostalgica, seppiato quanto basta dalla fotografia sentimentale di Darius Khondji, ispirata ai dipinti di George Bellows, alle fotografie di Carlo Mollino e ai film di Robert Bresson. C'era una volta a New York (titolo ruffiano che sostituisce nella versione italiana il più autentico originale The Immigrant) è una pellicola che tira le somme all’interno della produzione di Gray. Il racconto, lontanamente autobiografico, di una giovinezza strappata all’est Europa e trascinata nella grande New York. Una storia al femminile che poggia sul premio Oscar Marion Cotillard, circondata di un’aura malinconica e sensuale.

Sulle note di Puccini e Wagner, James Gray dirige il suo primo film in costume con la dignità e il tono aulico di un melodramma scritto – con la collaborazione di Ric Menello – come un romanzo d’altri tempi ma coerentemente collocato, sulla scia delle opere precedenti, sul tema della differenza fra classi, dell’ascesa del povero e della caduta del ricco.

Un film grandioso per costumi e scenografie, un dramma di miseria e sentimento che in qualche picco ricorda i capolavori del cinema classico.

C'era una volta a New York costituisce nella produzione di Gray un tassello particolarmente interessante per contaminazione di generi e motivi, specie dove il noir incrocia il romantico. L’impianto tragico della pellicola, un triangolo amoroso avvincente e distruttivo, si fa forte nelle interpretazioni dei tre protagonisti: più ancora di Ewa (in partenza affascinante ma presto risolta in una ripetitiva prevedibilità) è il Bruno di Joaquin Phoenix a ispirare ancora una volta al regista un personaggio fatto di ombre e spiragli di luce; attorno a lui èuò ruotare l’elegante interpretazione di Jeremy Renner. Al suo quarto film da protagonista con James Gray, Joaquin Phoenix si cimenta di nuovo in un ruolo scomodo e sfaccettato che racchiude in sé il fascino della pellicola stessa: un mondo feroce di cui, se non si è carnefici, si diventa vittime. James Gray si ispira a tutto ciò che in precedenza è stato diretto sul tema dell'emigrazione, da Sergio Leone a Martin Scorsese: cura tanto la parte storica quanto la resa visiva e, pur incappando in qualche stereotipo e in un eccessivo sentimentalismo - soprattutto sul personaggio della Cotillard, leggermente squilibrato fra la femme fatale e la traviata – riesce a realizzare un film grandioso per costumi e scenografie, un dramma di miseria e sentimento che in qualche picco ricorda i capolavori del cinema classico.

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo