Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Anita B. Recensione


Anita B. Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Puntuale come il rintocco di un orologio in prossimità della Giornata della Memoria, la distribuzione cinematografica si prepara alla commemorazione con una serie di pellicole nuove di zecca: allineate, politicamente corrette, tutt’altro che originali ma perfettamente rientranti nei canoni di un genere che ormai da qualche anno ha rinunciato a colpire lo spettatore con qualcosa di nuovo, preferendo all'approccio storico la divagazione psicologica sempre più romanzata.

1945. Terminata la guerra, la Cecoslovacchia prova a rimettersi in piedi e gli ebrei sopravvissuti ai campi di sterminio fanno ritorno alle loro case.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Fra essi c’è Anita (Eline Powell), orfana di entrambi i genitori morti ad Auschwitz, affidata agli zii Monika (Andrea Osvart) e Aron (Antonio Cupo), incapaci di offrirle l’affetto di una famiglia. Anita compie il viaggio verso casa con Eli (Robert Sheehan), affascinante e sfrontato, di cui si innamora e con il quale affronterà il delicato passaggio dall’adolescenza all’età adulta, con in mente un sogno: raggiungere la Palestina.

A due anni di distanza dall’ultima pellicola diretta, Un giorno questo dolore ti sarà utile (2011), Roberto Faenza – tanto amato dai classicisti del cinema quanto criticato per una regia standardizzata su cifre ricorrenti - torna al grande schermo con un romanzo di formazione ambientato nella Cecoslovacchia post nazismo, piegata dalla guerra e dall’orrore dello sterminio. La timida Anita, unica sopravvissuta della sua famiglia ad Auschwitz, è l’eroina di un racconto tenue che finge di voler narrare la rimozione dell’esperienza nazista nell’Europa orientale comunista, ma finisce in realtà per essere un prodotto ingenuo che incappa nell’errore di trasformare la storia in romance. Il campo di concentramento e la Shoah fanno in Anita B. da sfondo per una vicenda giovanilistica al femminile, in cui l’atmosfera cupa del dopoguerra si trasforma ben presto in un set romantico di poca originalità, ambientato fra le montagne intorno Praga. Faenza esplora poco nel suo film le conseguenze del trauma dei lager sui sopravvissuti, preferendo invece sperimentare ogni cifra del racconto rosa - dalla scoperta dell’amore sino alle conseguenti delusioni e annessi cuori spezzati – con una protagonista che si ispira al personaggio di Sabina in Prendimi l’anima, privata però di molto del suo fascino: banale, quasi da telenovela; un soggetto femminile scialbo in cui fare immedesimare soprattutto le più giovani.

Roberto Faenza è un regista di esperienza pluridecennale, autore di grandi romanzi cinematografici (Sostiene Pereira, Marianna Ucrìa, I Vicerè), dotato di un’abilità particolare nella trasposizione e sempre fornito di notevoli mezzi. A dispetto delle esperienze passate stavolta Faenza sembra sbagliare quasi tutte le componenti della sua pellicola: a partire dal romanzo scelto da adattare (Quanta stella c'è nel cielo di Edith Bruck), una vicenda semiautobiografica già vista che conduce ad una sceneggiatura – scritta dal regista insieme a Nelo Risi - scontata, piena di luoghi comuni filo ebraici che comprendono insieme a pochi riusciti momenti cinematografici (il racconto della cultura yiddish per esempio, meritevole della bella interpretazione di Moni Ovadia) molti vagheggianti, superficiali dialoghi sulla Terra Promessa.

Anita compie il viaggio verso casa con Eli ([Robert Sheehan]), affascinante e sfrontato, di cui si innamora e con il quale affronterà il delicato passaggio dall’adolescenza all’età adulta, con in mente un sogno: raggiungere la Palestina

Anche nella fotografia, pur avendo lavorato in passato con artisti dell'immagine come Maurizio Calvesi, la scelta di Faenza per Anita B. ricade sul taglio da cartolina di Arnaldo Catinari, a dipingere in definitiva una Cecoslovacchia irreale e asettica, poco postbellica e troppo idilliaca.

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo