Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Il segnato Recensione


Il segnato Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Nel 2010 era stato il regista nipponico Toshizaku Nagae a tentare di dare nuovo alito al già sfruttato franchise di Paranormal Activity, creando una sorta di rilettura giapponese alla saga horror con il suo Paranormal Activity – Tokyo Night. Ora tocca a Christopher Landon - sceneggiatore dei tre film che seguirono il primo capitolo firmato da Oren Peli - portare al cinema, anche in veste di regista, lo spin-off ufficiale della saga dal titolo tutt’altro che rassicurante.

Dopo aver spostato l’attenzione del pubblico su un nuovo nucleo famigliare in Paranormal Activity 4, Landon punta l’onnipresente occhio della macchina da presa su Oxnard, un piccolo agglomerato latino degli Stati Uniti.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

Jesse (Andrew Jacobson), a pochi giorni dal suo diploma di maturità, assiste, suo malgrado, all’omicidio della vicina di casa, una donna conosciuta nel quartiere come “la strega”. Indagando sull’accaduto il ragazzo scopre di avere strani poteri che il fedele migliore amico Hector (Jorge Diaz) filma con la nuova telecamera. Ben presto, quello che era cominciato come un gioco e una goliardia da tramandare ai posteri si tramuta in un incubo apparentemente senza fine.

Tutto è cominciato quando Katie e Micah, i protagonisti del primo Paranormal Activity, piazzarono telecamere ad alta definizione in giro per casa per portare alla luce ciò che succedeva intorno a loro di notte. Camere fisse e inquadrature quasi sempre statiche accrescevano nello spettatore un senso di tensione quasi tangibile, che il più delle volte esplodeva in una bolla di sapone. A distanza di anni, quello stesso concetto stilistico si è evoluto e, al tempo stesso, è tornato alle origini, a quell’estetica derivata da The Blair Witch Project che faceva delle immagini riprese in soggettiva il proprio marchio di fabbrica. Ne Il segnato, infatti, non c’è mai una camera fissa abbandonata a se stessa che riprende fatti soprannaturali; sono sempre i due protagonisti a muoversi verso l’orrore, a puntare l’obiettivo nei recessi oscuri della paura. Tuttavia i meccanismi di rivelazione e di spavento sono rimasti invariati: la solita galleria di personaggi che scompaiono dall’inquadratura alla prima distrazione, porte e assi del pavimento che cigolano, oggetti che prendono vita in maniera del tutto autonoma e così via.

Indagando sull’accaduto il ragazzo scopre di avere strani poteri che il fedele migliore amico Hector ([Jorge Diaz]) filma con la nuova telecamera

Ne consegue che lo spettatore, già ben addestrato ad individuare i procedimenti di disvelamento del demoniaco, rimane tranquillo in poltrona e sviluppa una risposta che somiglia più a quella legata ad una commedia che ad un film dell’orrore.

di Erika Pomella
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo