Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

I, Frankenstein Recensione


I, Frankenstein Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

L’australiano Stuart Beattie, conosciuto principalmente per aver scritto il soggetto di Collateral e aver collaborato alla sceneggiatura di due episodi della serie Pirati dei Caraibi, si cimenta per la seconda volta dietro la cinepresa (dopo Il domani che verrà - The Tomorrow Series) con I, Frankenstein, tratto dall’omonima graphic novel di Kevin Grevioux, apocalittico polpettone dark/fantasy che si inserisce sulla strada aperta da Underworld (i produttori sono gli stessi) ed epigoni.

Il mostro di Frankenstein (Aaron Eckhart) successivamente alla sepultura del suo creatore viene attaccato da un gruppo di demoni e salvato dai gargoyles che lo conducono dalla loro regina, Leonore (Miranda Otto): il mostro, a cui viene dato il nome di Adam, scopre che da secoli è in atto una guerra tra gargoyles e demoni per il destino dell’umanità che questi ultimi vorrebbero schiavizzare possedendo i corpi dei defunti.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 2/5

Adam decide di andarsene per la sua strada ma 200 anni dopo torna per impedire al principe Naberius (Bill Nighy) di creare un esercito di demoni servendosi della bella dottoressa Terra (Yvonne Strahovski).

La mania di creare saghe fantasy utilizzando personaggi mitologici o della letteratura - riletti in chiave moderna - ha portato addirittura all’utilizzo dei gargoyles in veste di paladini dell’umanità contro l’invasione dei demoni e del mostro di Frankenstein, quest'ultimo divenuto un guerriero reietto in cerca di un’identità e di uno scopo. L’ambientazione dark/gotica, l’azione incessante e gli effetti speciali sono tre punti a favore del film (probabilmente gli unici) poiché alla lunga emerge l’inconsistenza della trama e dei personaggi. La rilettura fantastica pseudo anni ottanta - con Frankenstein collocato in una sorta di action-movie Schwarzy-style pronto a farsi giustizia da solo a colpi di ascia, bastoni e arti marziali - per uno spettatore europeo risulta a dir poco indigesto. Dimenticate il mostro romantico di Mary Shelley, di cui rimane solo la sofferenza per non essere stato accettato dal suo creatore e qualche cicatrice in faccia: I, Frankenstein è la classica commistione tra soft-horror, azione e sentimento dalle ambizioni verosimilmente commerciali. Un film spettacolare seppur carente di contenuti, che potrebbe interessare i più giovani ma difficilmente catturerà l’attenzione degli spettatori più smaliziati.

L’ambientazione dark/gotica, l’azione incessante e gli effetti speciali sono tre punti a favore del film (probabilmente gli unici) poiché alla lunga emerge l’inconsistenza della trama e dei personaggi

di Marco D'Amato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo