Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

La provincia americana, alienante e dalla grana grossa. La crisi economica e quella esistenziale della «lontananza da Mosca», come la chiamava Anton Čechov.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

La noia, la routine, dopo un passato ingombrante, per tutti. Un destino inevitabile, figuriamoci, a chiudere la più classica delle epopee tragiche.

Russel Baze (Christian Bale) è un brav’uomo, semplice, forse rassegnato. Lavora all’acciaieria, come suo padre, che ora lentamente si spegne in un letto. Ha una morale elementare, ma inesorabile, ama la tua donna, proteggi la tua famiglia, lavora. Suo fratello invece è un reduce dall’Iraq. Si chiama Rodney (Casey Affleck) e dopo la guerra non riesce a ritrovare il suo posto nella società.

Russel Baze ([Christian Bale]) è un brav’uomo, semplice, forse rassegnato

Russel sa che deve prendersi cura di suo fratello, perché ha l’impressione che brami, intimamente, l’autodistruzione. Poi, un’incidente d’auto, un morto: Russel trascorre lunghi anni in carcere, lontano dalla sua famiglia, dalla sua casa, dai suoi doveri. Scontata la pena, verrà presto a sapere dell’omicidio di Rodney, e la sua routine si trasformerà in una corsa di vendetta.

Vincitore del premio Taodue Camera d'oro per la Migliore Opera Prima/Seconda all'ottava edizione del Festival del Cinema di Roma, Out of the Furnace segna il ritorno da regista di Scott Copper. Dopo Crazy Heart (2008), adattamento dell'omonimo romanzo di Thomas Cobb, l’ex attore sceglie di raccontare un dramma familiare attraverso scelte stilistiche e drammaturgiche convenzionali, tipiche di un certo cinema americano recente (The Fighter, Warrior).

Condannati da uno spazio ostile alla soddisfazione ultima dell’istinto primordiale della violenza, i due protagonisti sono certamente personaggi ben scritti, eternamente combattuti, sempre in equilibrio su un rasoio sottile, quello del "fare ciò che va fatto". Rodney non si rassegna all’idea di una vita come quella di Russel, condannato all’acciaieria, alla morte. Cerca piuttosto esperienze forti, incontri di pugilato a mani nude, in preda ad un nichilismo suicida. Casey Affleck ne fa un animale primordiale, scattante e allo stesso tempo fragile. Christian Bale disegna invece un uomo solido, composto e dalle idee chiare, inesorabile poi quando si tratterà di agire. Di fronte ad una regia compilativa come quella di Cooper, che nonostante qualche gradevole citazione (quella a Il Cacciatore su tutte) non evita la continua impressione del già visto, Out of the Furnace fa del cast il suo punto di forza. Notevole l’interpretazione di Woody Harrelson che da grande caratterista interpreta Harlan DeGroat, un sociopatico, violento, antagonista drammaticamente degno dell’ira funesta di Russel. Per Cooper, un’occasione mancata di ripetere il successo di critica del bel Crazy Heart - film arricchito, anche in quel caso, da un’interpretazione memorabile, quella di Jeff Bridges - per il pubblico qualche sospiro e la consapevolezza di trovarsi di fronte a grandi attori.

di Paolo Sammati
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo