Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Scritto e diretto da Massimo Scaglione, La moglie del sarto – prodotto dalla JC Ontheroad Pictures – si avvale della partecipazione straordinaria di Maria Grazia Cucinotta, sul grande schermo insieme ad altri interpreti conosciuti come Tony Sperandeo, e meno conosciuti al grande pubblico, come Marta Gastini ed Alessio Vassallo. Menzionato al 36° Festival des Films du Monde di Montreal e premiato alla prima Mostra Internacional de Cinema a Fortaleza, in Brasile, la pellicola (girata nel 2011) fa finalmente il suo esordio in sala, dopo diverse difficoltà di distribuzione.

1960, sud Italia: Rosetta Pignataro (Maria Grazia Cucinotta) vive felice a fianco del suo anziano marito, Edmondo Pignataro, sarto per soli uomini, il migliore del paese.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

La coppia, orgogliosa della bottega, però va incontro ad un atroce destino: il sarto muore, all’apice del successo artistico ed economico. Rosetta e Sofia (Marta Gastini), la giovane figlia, restano sole, e passato il funerale vengono abbandonate da tutti, parenti ed amici. Non dai notabili però, che come avvoltoi (poche ore dopo la scomparsa di Edmondo) cercano di convincere la vedova Pignataro a vendere il locale. Restia, gli avvocati – con l’aiuto di Giuliano Madera, finto imprenditore venuto dal nord – cercano di conquistarsi l’atelier con provocazioni meschine e stratagemmi puerili, fino ad accendere una girandola di voci diffamatorie che portano le due donne all’esasperazione. L’arrivo di due giovani pupari, però, cambia il destino del paese e delle due donne: uno di loro, Salvatore (Alessio Vassallo) si fa notare da Sofia per il suo fascino un po’ zingaresco e finirà per stravolgere la storia delle due donne.

Girato a Praia a Mare (CS), Fiumefreddo Bruzio (CS), Scalea (CS), Limbaldi (VV), Cosenza e Roma, tra i pochi punti di forza di questo film c’è per l’appunto il paesaggio, peraltro non eccessivamente valorizzato. La pellicola, dal montaggio tutt’altro che straordinario (spesso frammentato, mal collegato ed talvolta amatoriale) alle musiche poco originali, non lascia spazio a particolari spunti positivi. A livello recitativo, inoltre, il livello è quasi sempre insufficiente, fatta eccezione per Maria Grazia Cucinotta (ottima l’interpretazione) e per i due pupari, Alessio Vassallo e Carlo Fabiano, ben calati nella parte.

Rosetta e Sofia (Marta Gastini), la giovane figlia, restano sole, e passato il funerale vengono abbandonate da tutti, parenti ed amici

La regia di Scaglione mostra tante, troppe pecche: il filo logico c’è, ma le riprese lasciano a desiderare. Da evidenziare in positivo, invece, la gestione dei costumi, idonei per l’epoca e decisamente di ottima fattura. La moglie del sarto si attesta come un film con del potenziale, ma nei fatti mal gestito, nonostante la partecipazione di attori non propriamente all’esordio sul grande schermo. Se non altro, data la giovane età di molti interpreti, quello di Scaglione può considerarsi un esperimento utile a portare a galla personalità interessanti a livello recitativo come (oltre agli già citati Vassallo e Fabiano) la figlia del Sarto, Marta Gastini, ancora in fase evolutiva ma dalle ottime prospettive.

di Riccardo Cotumaccio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo