Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

In occasione del ventennale della morte di Federico Fellini, Ettore Scola - amico del celeberrimo regista riminese - realizza il suo omaggio ad uno degli autori più importanti del cinema mondiale, creatore di capolavori immortali come La dolce vita e Otto e mezzo. Che Strano chiamarsi Federico è un film semplice, la descrizione di una personalità che ha dato tanto al cinema, e a allo stesso Scola, intimo confidente di Fellini.

Narrato in terza persona dall'attore Vittorio Viviani e alternando immagini di repertorio con una finzione appositamente ricreata, la pellicola ripercorre gli inizi del giovane Fellini (interpretato da Tommaso Lazotti), dagli esordi come vignettista presso il giornale satirico Marco Aurelio, alla conoscenza di personaggi di spicco della grande epoca del cinema italiano come Ruggero Maccari, Steno e Age & Scarpelli fino ai primi successi come regista.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Scola intreccia la vicenda di Fellini con la propria, quasi a volerne ripercorrere i passi, a voler realizzare un'opera-ricordo di un'amicizia mai svanita. A confermare questo, Che Strano chiamarsi Federico è un film che si concentra poco su un racconto agiografico, ripercorrendo la cronologia degli eventi più importanti della straordinaria filmografia felliniana, ma il cuore del film sta nella sua forma di flusso di coscienza che lavora per pezzi di memoria, anche difettosa per come si abbandona troppo facilmente a lirismi e nostalgie, lacrime e tempi perduti. Si rivede la figura di Fellini come un ragazzo che ha realizzato un sogno, e come quel sogno sia stato d'ispirazione a molti. Scola guarda ad altezza bambino, si abbandona a frasi favolistiche come “Il narratore non paga” riferito al cantastorie Viviani, e aneddoti pronunciati da Fellini stesso come “Ogni artista ha bisogno di una scadenza per poter esprimere la propria creatività”.

Storia di un'amicizia che traspare nella sua più onesta sincerità, anche abbondando in retorica. Forse è questo il problema maggiore della pellicola, che non ha la capacità di analisi e di contesto di prodotti migliori e a livello estetico poteva essere più elaborato visto il personaggio trattato. Un'opera che si limita ad essere una celebrazione, indubbiamente sentita, a uno dei più grandi registi vissuti e che Scola ha avuto il privilegio di conoscere.

A confermare questo, è un film che si concentra poco su un racconto agiografico, ripercorrendo la cronologia degli eventi più importanti della straordinaria filmografia felliniana, ma il cuore del film sta nella sua forma di flusso di coscienza che lavora per pezzi di memoria, anche difettosa per come si abbandona troppo facilmente a lirismi e nostalgie, lacrime e tempi perduti

di Riccardo Tanco
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo