Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Dragon Trainer 2 Recensione


Dragon Trainer 2 Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Un sentimento forte e un legame indissolubile legano Hiccup alla sua furia buia, un amore talmente grande da oltrepassare i confini dell'umana comprensione per divenire leggenda. La loro storia, nata inizialmente dalla penna di Cressida Cowell e, subito, destinata a trasformarsi in una trilogia, segue le tappe di un classico romanzo di formazione, intarsiato di colori vivaci, avventure mozzafiato e buoni sentimenti.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Dopo il successo del primo capitolo, il regista Dean DeBlois, rinunciando all'aiuto del co-autore Chris Sanders, siede in cabina di regia e firma un’eclettica avventura tridimensionale che, utilizzando la nuova tecnologia Apollo della DreamWorks Animation, migliora l'immediatezza dell'animazione disegnata a mano e incrementa la tangibilità della stop-motion, intrappolando gli spettatori in una narrazione intensamente commuovente.

Una volta riuscito a mostrare la vera natura dei draghi, Hiccup, ha trasformato la sua cittadina da rude villaggio medievale a moderna capitale del divertimento in cui gli umani organizzano competizioni di ogni tipo e accudiscono i compagni di viaggio. La stabilità raggiunta, però, viene incrinata dal perfido Bludvist che ordina ai suoi scagnozzi di rapire tutti i draghi del regno per formare un esercito invincibile e governare il mondo. Hiccup, convinto di poter fermare l'uomo mostrandogli l'importanza della pace e del rispetto di ogni specie, parte alla ricerca del villain insieme al fido compagno Sdentato.

C’è stato un tempo in cui gli eroi erano giovani vigorosi, forti e senza alcun difetto che combattevano personalmente il male per salvare l’umanità. Nella società moderna, però, in cui l'omologazione socio-culturale prende il sopravvento sull’improvvisazione e l’eterogeneità, coloro che si distinguono non possono che essere ragazzi alternativi e underground che si ribellano al sistema dall’interno. Hiccup fa parte di questa schiera, annoverato in prima linea tra coloro che rinnegano le credenze popolari per ergersi a paladini dei valori pacifisti, ambientalisti e liberali. Il ragazzo non è mai stato come i suoi coetanei: troppo debole per essere un guerriero, troppo incosciente per divenire un comandante e persino troppo razionale per diventare un intraprendente membro della tribù. Ha lottato contro chi derideva la sua diversità e ha mostrato l’importanza di rispondere alla violenza con la saggezza e la determinazione di un capo e, contemporaneamente, con l’incoscienza caratteristica della sua età.

La stabilità raggiunta, però, viene incrinata dal perfido Bludvist che ordina ai suoi scagnozzi di rapire tutti i draghi del regno per formare un esercito invincibile e governare il mondo

Il giovane vichingo, infatti, è un eroe ante litteram, non ha l’armatura né lo scudo ma viaggia armato soltanto della lealtà del suo fedele compagno, disposto a sacrificare la sua stessa vita per difenderlo. Sono entrambi privi di un arto, eppure, riescono a trasformare i propri handicap in punti di forza: essendo uno lo specchio dell’altro, soltanto quando sono uniti si completano. Scegliendo di confezionare una narrazione centripeta intorno al consolidamento del rapporto tra uomo e drago, il regista e sceneggiatore DeBlois dosa accuratamente ilarità e divertimento, comicità e dramma, divertimento e azione. Utilizza le delicate e struggenti musiche di John Powell nei momenti più intensi della pellicola, sposando la causa dei suoi protagonisti, sostenendoli nel momento del bisogno e avvicinandosi a loro tanto da toccarne l’anima.

Dragon Trainer 2 si configura sin dai primi fotogrammi come un policromo spettacolo pirotecnico che attraverso sinusoidi di dinamismo, coreografie e gag tipiche della slapstick comedy, ricorda al pubblico di non lasciarsi mai influenzare dai pregiudizi perché dietro l’ignoto o il diverso potrebbe nascondersi qualcosa di profondo ed estremamente prezioso.

di Martina Calcabrini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo